Gli ‘angeli’ in camice bianco di Noemi: chi sono i i medici che hanno salvato la piccola

Sciolta la prognosi per la piccola Noemi. Dopo 17 giorni di ricovero la bimba di 4 anni ferita ai polmoni in un agguato in piazza Nazionale è fuori pericolo. Noemi è sveglia e cosciente, e si alimenta autonomamente. La bambina respira spontaneamente, senza necessità di supporto di ossigeno.

“I parametri vitali sono stabili e il quadro clinico è in miglioramento – si legge ancora nell’informativa dei sanitari – la prognosi quoad vitam è sciolta. Il prossimo bollettino sarà diramato tra 7 giorni. La piccola ancora non ha la forza di parlare. Poche le parole pronunciate come “Nonna mia, ti amo” rivolta alla nonna Immacolata Molino che proprio questa mattina in una conferenza stampa ha rivissuto i momenti dell’agguato che stava per costare la vita alla bimba. “All’inzio pensavo che fossero botti, fuochi d’artificio che si esplodono comunemente, poi ho visto quell’uomoc he sparava all’impazzata puntando la pistola anche contro di noi. Tenevo Noemi per una mano e mi sono piegata verso di lei per proteggerla. Il proiettile mi ha perforato e ha colpito Noemi. Ma all’inizio non mi ero accorta di nulla”. La donna  ringrazia per la grande solidarietà ricevuta: “E’ stato bellissimo, commossa dalla veglia al Santobono questa è la vera Napoli. Anche le istituzioni ci sono state vicine. Il presidente Sergio Mattarella aspetta Noemi e anche il Papa”.

No, non è un miracolo se Noemi è salva, dopo 17 terribili giorni in cui ha lottato come una piccola leonessa contro la morte.

Lo si deve ai medici dell’ospedale Santobono. Alla loro capacità e abnegazione anche quando, all’inizio, la situazione sembrava terribilmente compromessa. E adesso si festeggia, come è giusto che sia, uno splendido risultato ottenuto dalla sanità campana.

I nomi dei medici riportati da Il Mattino:

sono il primario Vincenzo Tipo, il primario della chirurgia Giovanni Gaglione, il primario della Cardiochirurgia pediatrica del Monaldi Guido Oppido, Vincenzo Cardone (rianimatore), il pneumologo Fulvio Esposito, Maurizio Nespoli (rianimatore), Carlo Tascini (infettologo)