14.7 C
Napoli
domenica, Febbraio 25, 2024
PUBBLICITÀ

“Minacce e tentativi di estorsione dalla banda”, parlano gli avvocati di Pogba

PUBBLICITÀ

Paul Pogba ha denunciato “minacce” e “tentativi di estorsioni da parte di una banda organizzata” nei suoi confronti, in un comunicato firmato dai suoi legali e dal proprio procuratore. Il centrocampista ha reagito il giorno dopo la pubblicazione di un video social in cui il fratello maggiore, Mathias Pogba, 32 anni, ha promesso “grandi rivelazioni” sul fratello minore, 29 anni.

“Le recenti dichiarazioni di Mathias Pogba sui social non sono purtroppo una sorpresa. Si aggiungono alle minacce e ai tentativi di estorsione da parte di una banda organizzata ai danni di Paul Pogba”  hanno spiegato gli avvocati, Yeo Moriba (madre di Mathias e Paul Pogba) e l’agente del giocatore, Rafaela Pimenta. “Non ci saranno ulteriori commenti in relazione all’indagine in corso da parte delle autorità”, precisano in questo comunicato.

PUBBLICITÀ

Il video di Mathias Pogba: “Tutto questo rischia di essere esplosivo”

Un’indagine è stata aperta in Francia e affidata ai servizi della Direzione centrale della polizia giudiziaria. In un video pubblicato sui social network in quattro lingue (francese, italiano, inglese e spagnolo), Mathias Pogba, lui stesso calciatore professionista, ha annunciato sabato “grandi rivelazioni su suo fratello Paul Pogba e la sua agente Rafaela Pimenta”, che ha appena rilevato l’azienda dal recentemente scomparso Mino Raiola. Il fratello di Paul Pogba, di fronte alla telecamera, afferma che “il mondo intero” come la Juventus e gli ‘sponsor “meritano di sapere certe cose per decidere con cognizione di causa se lui (Paul Pogba) meriti davvero ammirazione, rispetto, il suo posto nella Francia, se è una persona degna di fiducia”.

Tutto questo rischia di essere esplosivo“, conclude, senza ulteriori dettagli sulla natura delle proprie “rivelazioni”. Secondo due fonti vicine alla famiglia Pogba, a Paul vengono chieste ingenti somme di denaro se vuole evitare la diffusione di video presumibilmente compromettenti. Secondo l’Equipe la vicenda è seguita con attenzione dalla Federazione e dalla famiglia di Mbappé, sempre più influente in nazionale.

Secondo Mathias, infatti, il fratello centrocampista avrebbe chiesto a un fattucchiere di colpire con un sortilegio il fuoriclasse parigino che dal Mondiale in Russia in poi è diventato la vera stella della Francia, negando i riflettori a Paul, che ha smentito tale versione agli inquirenti. Mathias però lascia intendere che ci sarebbe un video che proverebbe tutto.

Il sequestro 

Paul Pogba, vittima dell’estorsione su cui indagava la polizia francese, ad aprile aveva pagato 100mila euro ai suoi aguzzini. E ora anche la procura di Torino ha avviato un procedimento giudiziario. Il giocatore della Juventus non avrebbe avuto scelta dopo essere stato vittima di un sequestro lo scorso marzo. Un gruppo di conoscenti infatti l’avrebbe minacciato con dei fucili per ottenere 13 milioni di euro: uno per ogni anno di carriera tra i professionisti, a titolo di un presunto servizio di protezione.

Dietro alla manovra estorsiva, secondo Paul, ci sarebbe il fratello Mathias che però nega: “Non è una questione di soldi – ha twittato il 32enne – per te ho rischiato la vita e mi hai abbandonato. Tutti devono capire che non c’è nessuno di più codardo, traditore e ipocrita di te”.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Volano le coltellate nel carcere di Avellino, un detenuto è grave

E' scoppia una rissa a coltellate tra detenuti nel carcere di Bellizzi Irpino. A darne notizia la Segreteria UILPA...

Nella stessa categoria