Muore in casa tra le braccia della figlia:«L’ho visto annegare senza’aria»

Sirio muore in casa tra le braccia della figlia: «Non gli hanno fatto il tampone, l’ho visto annegare senz’aria». A Piazza Pulita su La7, la commovente testimonianza di Asia Marchesi, una ragazza della Val Seriana – l’area più colpita dal coronavirus – che racconta il calvario di papà Sirio, morto in casa con sintomi analoghi al Covid-19, ma a cui non è stato fatto il tampone.

Ecco le parole di Asia: «È come vedere annegare una persona. Ma se annega nell’acqua ti butti e provi a salvarla, così non puoi fare niente». Negli ultimi giorni avevano provato a chiedere soccorso, eppure non è stata mai valutata l’ipotesi di fare un tampone per capire se il padre avesse contratto il coronavirus. «Mi dicevano ‘Lo lasciamo in casa perché è debole ed è rischioso per lui andare in ospedale’. Aveva degli attacchi di tosse fortissimi. Solo a vederlo mi sentivo soffocare. Ho chiamato l’ambulanza, sono scesi 5 volontari, non c’era un medico. Gli hanno detto che se era 4 giorni che aveva la tosse e non l’aveva curata è normale che stesse così».


Papà Sirio è morto tra le braccia della figlia. «Alla fidanzata di Rugani – conclude addolorata Asia – primo calciatore di Serie A risultato positivo, hanno fatto il tampone anche se asintomatica. Perché a noi non l’hanno fatto?».