Nadia Toffa e la foto dell’ago per la chemioterapia: “Quel liquido nelle vene…”

“Stamattina di nuovo chemioterapia! E proprio mentre ero in infusione ho pubblicato le foto delle Iene di ieri sera per tirarmi su di morale leggendo i vostri meravigliosi commenti. Sulla sacca vedete la data, il liquido preferisco immaginare sia frappé alla vaniglia. Che fate voi di bello oggi? Qui non si molla MAI buona vita ragazzi belli 💗💥”. Queste le parole scritte stamattina da Nadia Toffa sul suo profilo Instagram. La Iena ha Nadia Toffa ha pubblicato una foto mentre fa l’ennesima seduta di chemioterapia

Nadia Toffa e la Chemioterapia

Nadia Toffa è tornata in ospedale per sottoporsi al ciclo di cure utili a combattere contro il cancro. La Iena ha spiazzato tutti postando su Instagram la foto che la ritrae con l’ago nella mano, pronta per la chemioterapia.

Nadia Toffa, inaspettata confessione: “Ho dovuto farlo per forza”

Nadia Toffa è stata costretta ad un gesto che non avrebbe voluto compiere. La conduttrice è da sempre molto amata dal pubblico ma i fan hanno cominciato a seguirla con un’insistenza maggiore da quando hanno scoperto la sua malattia. La Toffa, com’è noto a tutti, sta lottando contro il cancro e ha deciso di condividere la sua battaglia con il pubblico. Prima di tutto questo la aiuta a non sentirsi sola, in secondo luogo le è sembrato un modo per diventare un simbolo di una lotta incessante che unisce migliaia e migliaia di persone solamente in Italia. L’affetto dimostratole dalla gente l’ha commossa oltre che sorpresa e continua a travolgerla (nel senso più positivo del termine) giorno dopo giorno.

Nadia Toffa torna in ospedale, il post de Le iene: «Siamo tutti con te»

“Tutti al fianco della nostra combattiva Nadia! Siamo tutti con te! ❤️”, è questo il messaggio di ‘in bocca al lupo’ da parte de Le Iene per Nadia Toffa, la giornalista che sta combattendo da diverso tempo contro un terribile male. La Iena di Italia 1 in un post su Facebook scrive “Buongiorno Eccomi in ospedale ✌🏿 che bravi gli infermieri e i medici tutti 🙏🏿 rispondono ai miei sorrisi speranzosi con sorrisi altrettanto speranzosi 👏🏿 Grazie a loro e grazie a voi per il vostro supporto! È fondamentale. Vi abbraccio forte 💋💫la vostra N”. 

L’ultimo nostro articolo

Un messaggio contro  i guaritori, contro quei finti medici che promettono di curare senza l’aiuto delle medicine. Ma anche un velato pessimismo, nascosto tra le parole. «Non so se guarirò» ha scritto nel suo ultimo twitt la conduttrice delle Iene, Nadia Toffa, in cui ha voluto sostenere sostenere  l’importanza delle terapie tradizionali contro i sedicenti guaritori.

«La chemio non so se mi guarirà ma di certo non mi ucciderà. State lontani da questi mascalzoni». Nadia Toffa ha voluto mettere in guardia i suoi fan dalle cure “alternative” contro il cancro e lo ha fatto riferendosi alla sua situazione personale. La conduttrice ha condiviso infatti sul suo profilo Twitter la storia di una sedicente guaritrice che sostiene di aver curato malati con la sola imposizione della mani raccontata in un servizio de Le Iene andato in onda domenica sera. La posizione di Nadia nei confronti di questi personaggi che definisce “mascalzoni” è netta: sono «pericolosissimi», scrive.

Nadia Toffa e la tragica notizia sul suo profilo: «Preghiamo per tutti loro…»

Fa sempre scalpore quel che Nadia Toffa pubblica sui social. Questa volta, però, la ‘Iena’ ha voluto sfogare tutto il suo dolore affidandosi ai social. Ma un dolore che non proviene dalla sua malattia, bensì dagli ultimi fatti di cronaca che stanno sconvolgendo l’interno Belpaese.

Il messaggio di Nadia Toffa su Twitter

“Sono sconvolta per la madre che uccide i suoi bimbi con un’iniezione letale, per l’ex che uccide la fidanzata e il nuovo compagno per poi togliersi la vita. Un padre di famiglia uccide moglie cognata e i suoceri sono gravi all’ospedale… Preghiamo per tutti loro”. Sono queste le parole che l’ormai influencer ha scritto sul suo profili social.

Un messaggio che ha suscitato ovviamente tante reazioni anche da parte dei suoi fan che come lei non riescono a spiegarsi il motivo per cui accadono cose simili.