Palpeggia donna in un pub a Giugliano poi la minaccia con pistola, arrestato

A Giugliano, in località Varcaturo, i militari della locale Stazione hanno eseguito misura cautelare in carcere in pregiudizio di C. A., (nato a 1973, di fatto domiciliato a Giugliano responsabile dei reati di violenza sessuale, tentata estorsione, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti ad offendere per i fatti accaduti il 20 luglio scorso in un noto pub su via Lago Patria.
L’Arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Poggioreale.
Il 44enne di Giugliano in Campania,  in un pub di via Lago Patria, ha avvicinato una 34enne che conosceva di vista e di cui si era invaghito ed ha allungato le mani.

Lei lo ha respinto, anche con l’aiuto di alcuni amici, e lui inizialmente si è allontanato. dopo poco però si è ripresentato nel pub: era armato di una pistola ad aria compressa e di un coltello; si è avvicinato alla donna una seconda volta e, dopo averla minacciata perché si era ribellata alle sue avances, l’ha spinta a terra. anche in quel frangente sono intervenuti gli amici della malcapitata i quali sono riusciti a fermare il soggetto e a disarmarlo. A seguito delle lesioni riportate nella colluttazione che c’era stata il 44enne ha addirittura tentato di estorcere loro 500 euro per non denunciarli. altri clienti del pub nel frattempo avevano chiamato il 112 quindi dopo pochi minuti sono intervenuti sul posto i carabinieri di varcaturo che hanno bloccato il soggetto.

Dopo avergli sottratto e sequestrato la pistola ad aria compressa e il coltellaccio lo hanno tradotto in caserma. è stata poi perquisita la sua abitazione dove i militari hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 100 pallini di acciaio per arma ad aria compressa. il 44enne è stato quindi denunciato: dovrà rispondere di violenza sessuale, tentata estorsione, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.