Massacrato di botte a Melito, Pocho è fuori pericolo: venerdì corteo in città

Dopo la giornata di lunedì, trascorsa ancora sotto shock, da questa mattina Pocho ha ripreso vitalità ed ora sta bene. Giungono buone notizie dall’Asl veterinaria di Marano dove il meticcio di circa 10 anni è stato ricoverato domenica sera in seguito ad una brutale aggressione. Se l’è cavata con una piccola frattura al bacino e con tanta paura il cagnolino “mascotte” per cui è partita una vera e propria gara di solidarietà in città. In molti si sono detti pronti a fornire una nuova casa e pagare le spese per quel cagnolino che, in un video pubblicato in esclusiva da InterNapoli.it, mostrava il suo corpo trascinato a terra dall’uomo che poco prima lo aveva brutalmente picchiato con un bastone, denunciato dai carabinieri della locale tenenza per maltrattamenti su animali.

Pocho non è più in pericolo di vita. Tirano un sospiro di sollievo i tanti commercianti e residenti del corso Europa di Melito dove abitualmente il cagnolino passeggiava e si riposava nel corso della giornata, ma anche i tanti che nelle ultime ore hanno appreso dell’aggressione manifestando, specialmente sui social, il loro disappunto.

E mentre dalla clinica veterinaria giungono rassicurazioni sulla salute del piccolo Pocho, l’Oipa Napoli ha organizzato un corteo per sensibilizzare la cittadinanza sulla violenza sugli animali e per manifestare la vicinanza della comunità melitese, e non solo, al cagnolino vittima della cruenta aggressione. L’appuntamento è per venerdì alle 10.30 in via Carlo Alberto Dalla Chiesa, proprio dove Pocho è stato percosso, ma anche difeso e soccorso dai tanti testimoni che oltre che filmare, fornendo una prova ai carabinieri, hanno sottratto il cane dalle mani del suo aggressore, salvandogli la vita.