Premio ‘Per Sempre Scugnizzo 2018’: riconoscimenti alle eccellenze napoletane

I vincitori del Premio Per Sempre Scugnizzo 2018

Al tradizionale appuntamento, giunto alla sua quarta edizione, non sono mancate figure professionali che hanno reso onore al territorio con la loro attività. Per l’impegno sociale sono stati premiati magistrati, giornalisti, attori, direttori generali, imprenditori, medici, volontari e campioni olimpionici. Il primo premio speciale alla memoria è andato alla benemerita Elena Di Toro, per una vita spesa a favore dei bambini dell’Ospedale SS. Annunziata di Napoli. Poi sono seguiti i premi alle eccellenze campane, che per nascita o per meriti hanno dato lustro alla città partenopea. “Per sempre scugnizzo 2018”, organizzato dal sito PerSempreNapoli.It, e patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti, del quotidiano Roma, dalla FIGC, dal Comune di Napoli e dall’Ass.Caponnetto, ha voluto premiare il maestro Gianni Maddaloni, “scugnizzo verace” da sempre impegnato nel settore sportivo e nel recupero di minori a rischio. Per la medicina sono stati premiati il noto primario dell’Unità di Neurochirurgia e Neurologia di Pineta Grande, Alfredo Bucciero per la sua attività chirurgica innovativa; il dott. Giuseppe Russo, direttore sanitario dell’Ospedale del Mare di Napoli; il direttore Unità Operativa Complessa di Ipertensione arteriosa Maria D’Avino. Riconoscimento per il suo impegno profuso a favore del più importante ospedale del Mezzogiorno, è toccato a Ciro Verdoliva, direttore generale dell’ospedale Antonio Cardarelli.

Al centro il Procuratore Raffaello Falcone della DDA, a sinistra il giornalista Angelo Covino e a destra il funzionario Salvatore Carli dell”Ufficio Antimafia della prefettura
Una foto della sala, presente anche il colonnello dei Carabinieri del Comando provinciale di Napoli

A favore dei più deboli il premio scugnizzo è toccato al Capitano Sabina Pagnano del Reparto Tutela Emergenze Sociali e Minori della Polizia Municipale di Napoli. Analogo impegno sociale è stato profuso dalla biologa Valentina De Luca ed Elvira Giangrande dell’Ass.Naz.Carabinieri sez.di Giugliano. Premio ad Anna Rita Quagliarella. Per l’imprenditoria napoletana, il premio se lo è aggiudicato il Presidente di Assofram Raffaele Pagano e Ciro Scognamillo (Poppella). Poi è stata la volta del Procuratore Aggiunto della Procura di Napoli, Raffaello Falcone, con la motivazione: “Il dottor Falcone, magistrato con una lunga esperienza alla Direzione Distrettuale Antimafia, si è occupato di importanti attività. E’ stato titolare di indagini sul clan dei Casalesi. Tra le varie attività investigative, ha collaborato alle indagini che hanno portato alla cattura di Michele Zagaria e svelato il velo su affari e complici dei Belforte a Marcianise. Falcone è’ stato anche il Pm che ha chiesto l’inasprimento del carcere duro per il boss Schiavone”. Sempre a favore della legalità, non poteva mancare un’altra donna di punta della magistratura come Graziella Arlomede, “già magistrato presso la suprema Corte di Cassazione, attualmente incardinata presso la DDA della Procura di Napoli. Rilevanti e significative le indagini del PM Arlomede, nel settore degli appalti di opere pubbliche in diversi comuni della provincia di Napoli, dove non sono mancate indagini a carico di esponenti di vari ordini professionali collusi con il malaffare ed a carico di esponenti di forze dell’ordine. Da ultimo senz’altro rilevanti per l’impatto sulla collettività le indagini sui rifiuti e quelle di criminalità comune”. Ed in tema di appalti pubblici, non poteva non essere premiato il funzionario di prefettura Salvatore Carli, referente dell’associazione Caponnetto, impegnato in attività di prevenzione Antimafia. Premio per l’impegno sociale e civile ad Angelo Covino, giornalista, impegnato in favore delle fasce deboli e dei giovani a rischio. Importante premio è andato a Raffaella Tramontano, giornalista impegnata nel mondo del teatro con mansioni di addetta alle pubbliche relazioni. Oggi è responsabile del Teatro Mercadante. E per rimanere nel mondo dello spettacolo e cinematografico, il premio finale Scugnizzo 2018 è toccato al cabarettista, nonché attore di film e fiction Antonio Fiorillo. A moderare l’evento il giornalista Massimiliano Murolo. La premiazione si è conclusa con la consegna dei trofei e con le leccornie di “Poppella”. Tra le autorità era presente, tra gli altri, il Col. VIsidoro Tella del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli