Reddito di Cittadinanza, beneficiari al lavoro per il Comune di Villaricca

progetti reddito di cittadinanza villaricca
Foto di archivio

Reddito di Cittadinanza, beneficiari al lavoro per il Comune di Villaricca. Oggi la giunta di Villaricca ha approvato le delibere riguardanti la Spesa amica, lo Sportello psico-pedagogico, il Giocattolo sospeso, la Calza sospesa e i Progetti di utili alla collettività per i percettori del reddito di cittadinanza. Quest’ultimi saranno impegnati a costo zero per l’ente comunale in servizi di pubblica utilità.

Il sindaco Rosaria Punzo ha chiarito alcuni punti sul provvedimento: “Si tratta di progetti che coinvolgono i percettori del reddito di cittadinanza. Saranno impiegati a costo zero per l’Ente in progetti di pubblica utilità, dalle 8 alle 16 ore settimanali, in 3 settori: ambiente, cultura e sociale. Dalle piccole alle grandi cose, andiamo avanti spediti cercando di continuare ad essere un serio punto di riferimento senza dimenticare nessuno. Intanto, per le prossime settimane sono in arrivo importanti novità per il Natale. Nessuno resterà indietro. Ve lo prometto”.

COSA SONO I PUC PER I PERCETTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Nell’ambito dei Patti per il lavoro e/o per l’inclusione sociale, i beneficiari Rdc sono tenuti a svolgere Progetti Utili alla collettività nel comune di residenza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16. I Comuni sono responsabili dei PUC e li possono attuare in collaborazione con altri soggetti.

Oltre a un obbligo, i PUC rappresentano un’occasione di inclusione e crescita per i beneficiari e per la collettività. Per i beneficiari, perché i progetti saranno strutturati in coerenza con le competenze professionali del beneficiario. Sia quelle acquisite anche in altri contesti ed in base agli interessi e alle propensioni emerse nel corso dei colloqui sostenuti presso il Centro per l’impiego o presso il Servizio sociale del Comune.

Per la collettività, perché i PUC dovranno essere individuati a partire dai bisogni e dalle esigenze della comunità locale e dovranno intendersi come complementari. Andranno a supporto e integrazione rispetto alle attività ordinariamente svolte dai Comuni e dagli Enti pubblici coinvolti. Le attività messe in campo nell’ambito dei PUC dovranno rispondere ad uno specifico obiettivo da raggiungere in un intervallo di tempo definito, attraverso la messa in campo di risorse umane e finanziarie.

Il progetto potrà riguardare sia una nuova attività sia il potenziamento di un’attività esistente. In nessun caso le attività in esso svolte potranno essere sostitutive di quelle ordinarie né saranno in alcun modo assimilabili ad attività di lavoro subordinato o parasubordinato o autonomo.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.