“Vergogna, buffone, vai via traditore”, Salvini contestato al Sud: gettata anche acqua in faccia

Un gruppo di manifestanti catanesi ha atteso Matteo Salvini davanti alla sede del Comune, in cui aveva appuntamento con il sindaco Salvo Pogliese, per contestarlo duramente. Al grido di “siamo tutti terroni” e “venduto”, i cittadini hanno ricordato che “per anni ci hanno denigrato e ora vengono a cercare i nostri voti”. Altri manifestanti hanno inoltre urlato “buffone buffone” ed esposto cartelli con scritto “vergogna” e “traditore“.

Su un lenzuolo, appeso a un balcone, si legge “Catania non si Lega”, seguita dalla scritta “restiamo umani“, riferita alla chiusura dei porti alle navi delle Ong voluta dal ministro dell’Interno e prevista dal decreto Sicurezza bis.I contestatori hanno urlato “venduto”, “traditore”, “buffone”, e slogan come “Catania non si Lega” e “fuori i fascisti da Catania”. Inoltre alcuni cartelli di protesta riportavano frasi come: “Ti ricordi forza Etna? Io si”, “Vai a lavura, pulentun”. Tra la folla diverse bandiere con la Trinacria, il simbolo della Sicilia. I simpatizzanti della Lega esponevano uno striscione con la scritta “Catania identitaria”. Alcuni hanno letto per protesta dei passaggi della Costituzione della Repubblica Italiana.

All’uscita dal municipio di Catania sono continuate le proteste. Qualche centinaio di manifestanti ha contestato Matteo Salvini gridando “buffone” e lanciando bottiglie di plastica vuote contro la sua auto. Tra il portone del municipio e la folla c’era un cordone di polizia.

Reddito, Salvini: “Ho saputo di gente che rinuncia al lavoro – Da Catania Matteo Salvini è andato all’attacco del Reddito di cittananza. “Approfondiremo una cosa che mi hanno segnalato albergatori, imprenditori e agricoltori – ha detto -. Alcune persone che lavoravano per loro la scorsa stagione estiva, quest’anno hanno detto ‘no grazie perché ho il reddito di cittadinanza a cui aggiungo qualche cosa in nero’. Sarebbe un enorme problema”.

Il leader della Lega ha poi specificato: “Non so se è qualche caso sporadico però me l’han detto in Calabria e oggi in Sicilia e ieri l’altro in Puglia. Chiederemo di fare tutte le verifiche del caso perché non vorrei che qualcuno pensasse ad una Repubblica fondata sulla assistenza. Se però non aiutiamo chi produce a pagare meno tasse, l’assistenza nel giro di due o tre anni esaurisce il pozzo e buonanotte”. Ve lo dice uno – ha concluso – che l’ha votato quel provvedimento sperando che servisse a creare lavoro. Se ci dovessimo rendere conto che invece di creare lavoro, crea lavoro nero e toglie lavoro, sarebbe un problema”.

“Vedrò gli alleati di centro destra prossima settimana” – “Conto di vedere sicuramente gli alleati a livello locale del centrodestra perché sicuramente alcune elezioni regionali ci sono. Sicuramente su questo l’alleanza che ha vinto tutte le elezioni negli ultimi mesi deve ritrovarsi e proporre candidati comuni prima possibile”. L’ha detto il leader della Lega, aggiungendo che “già la settimana prossima ci ritroveremo con gli alleati per le Regionali, ovviamente si parlerà anche di altro”.