31.3 C
Napoli
sabato, Luglio 20, 2024
PUBBLICITÀ

Spalletti risponde ad Allegri: “Inutile mettersi cappello e barba finta, se la Juve non vince è un fallimento”

PUBBLICITÀ

Napoli e Juventus si apprestano a scendere in campo domani sera, ore 20:45 allo Stadio Maradona, match valevole per la 18esima giornata di Serie A. Un match che vuol dire tanto per entrambe le squadre, le speranze del Napoli di allungare la fuga e macinare le avversarie e di vittoria per la Juve per provare a rosicchiare punti sui partenopei.

Di seguito, le parole dei due allenatori, Luciano Spalletti e Massimiliano Allegri, dopo le rispettive conferenze stampa della vigilia.

PUBBLICITÀ

Napoli-Juve, Allegri: “Napoli favorito, Spalletti il migliore”

Il tecnico bianconero, rispondendo alle domande dei giornalisti nella consueta conferenza stampa, ha così parlato dell’allenatore avversario in vista del match di domani sera, elogiando la qualità della sua squadra e dei suoi giocatori: “Domani dobbiamo giocare una partita con grande tecnica e intensità, è difficile perchè è uno scontro diretto contro la più forte del campionato. È una bella sfida da giocare, bisogna giocarla con voglia ed entusiasmo. La classifica dice che sono i più forti, è normale che siano i favoriti. Spalletti è il migliore ad allenare e ad insegnare e lo sta dimostrando a Napoli come ha già fatto con Roma e Inter. Due mesi fa nessuno credeva che la Juve potesse arrivare a questa partita in questa condizione. Ho grande stima di Luciano, è talmente buffo e divertente che ogni tanto litighiamo… Io non sono un allenatore, faccio questo mestiere per sbaglio…“.

Spalletti risponde ad Allegri: “Inutile che si nasconde, i favoriti sono loro”

E non si fa attendere la risposta di Spalletti durante la sua conferenza stampa:

“Capisco che per Allegri sia conveniente passare da comprimario, ma per una Juve sempre imbottita di campioni è impossibile nascondersi dal ruolo di favorita. Certi investimenti si ripagano solo giocando per la vittoria dello scudetto e della Champions. È inutile mettersi il cappello o la barba finta, non c’è quarto posto che soddisfi la Juventus”.

L’allenatore toscano ha voluto commentare anche il giudizio che ha dato di lui il corregionale, che lo ha definito buffo e divertente, ma anche molto bravo: “Lui è il più bravo perché lo dice il palmares, io mi inchino di fronte al suo palmares”.

Secondo Spalletti nessuna delle due compagini avrà timore del match: “Quando si vestono casacche così importanti la vedo dura giocare con la paura. Paura non ce l’avrà nessuno, ci sono calciatori forti come personalità e tecnica, tutte e due le squadre giocheranno per vincere e sarà un grande spettacolo”.

Poi il discorso si sposta sulle diverse filosofie di gioco delle squadre: “Allegri sposa il motto juventino, che vincere è l’unica cosa che conta. Qui è tutto più anima e cuore, c’è stato Maradona, l’hanno visto giocare e quando ha vinto ha mostrato quanta bellezza c’è nel calcio. Noi non possiamo fare a meno di portarci dietro un po’ di quella bellezza e ricordiamo quel calcio sperando di riproporlo, poi è chiaro che le gare raccontano che loro ci lasceranno campo, come si è visto anche con Cremonese e Udinese… Lì diventa una questione di gestione, in cui dovremo essere bravi a fare possesso e cercare il gol. Loro ripartono e hanno giocate individuali multiple, la prima considerazione sarà non perdere mai equilibrio nell’attaccare”.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Pistole con matricola abrasa nascoste nel tombino, la scoperta in provincia di Napoli

La Compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia ha sequestrato 3 pistole con matricola abrasa e 23...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ