Stagione finita per Asensio, cambiano gli scenari di mercato tra Napoli e James Rodriguez

Una pessima notizia per il Real Madrid e per Zidane dalla sfida di ICC vinta ai rigori contro l’Arsenal. È quella del bruttissimo infortunio per Marco Asensio, uscito dal campo al 64′ in barella con le mani  sul volto e trasportato subito in ospedale, dove ha trascorso la notte. La prima diagnosi di rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro è stata confermata dagli esami sostenuti. Di fatto significa stagione già finita, prima ancora di cominciare.

“Gli esami a cui è stato sottoposto – recita il comunicato del Real Madrid – hanno riscontrato la rottura del legamento crociato anteriore e del menisco esterno del ginocchio sinistro. Il giocatore sarà sottoposto a intervento chirurgico nei prossimi giorni”.

L’infortunio di Asensio non cambierà in ogni caso il futuro di Gareth Bale. Il destino del gallese, entrato a inizio ripresa e autore di un gol, è comunque segnato. “Al momento è con noi, ha giocato perché voleva stare con noi ed è in buone condizioni fisiche. Ma niente è cambiato, la situazione è la stessa”, ha detto Zidane a fine partita. E sull’infortunio di Asensio: “Siamo preoccupati e colpiti da quello che gli è successo”.

James Rodriguez resta al Real?

Con la partenza annunciata e irremovibile di Bale e l’anno sabbatico preso da Asensio, si aprirebbe un clamoroso scenario: James Rodriguez fuori dal mercato. Di fatti, con le ingenti spese già sostenute dal Real per rinforzare la squadra e con il sempre più probabile arrivo di Pogba, le possibilità di arrivare ad un sostituto all’altezza dello spagnolo sono davvero minime. L’unico in grado di ricoprire il suo ruolo sarebbe quindi il 10 di Medellin, perfetto dal punto di vista tattico e soprattutto… economico.

In ogni caso il Napoli è osservatore interessato, pronto a sferrare l’affondo decisivo nel caso in cui il Real aprisse all’ipotesi del prestito oneroso.