31.8 C
Napoli
giovedì, Luglio 25, 2024
PUBBLICITÀ

Strage di pellegrini per il caldo alla Mecca, più di mille morti

PUBBLICITÀ

Le temperature stagionali sono arrivate a superare i 50 gradi e un’immane tragedia è accaduta in occasione del pellegrinaggio alla Mecca.  Nonostante il presagio di negatività derivato dal caldo asfissiante, i fedeli sono accorsi, in molti, nei luoghi santi dell’Islam; malgrado le buone intenzioni guidate dalla fede, per il clima asfissiante molte persone hanno perso la vita. 

Strage alla Mecca 

Nei giorni dell’Hajj, sono almeno 1000 i fedeli morti durante il pellegrinaggio alla Mecca. Le cause delle morti, sono da ricondurre, secondo un medico e un funzionario sauditi, alle temperature altissime: Oltre i 50 gradi. I corpi si troverebbero all’interno del complesso di emergenza nel quartiere di Al-Muaisem, alla Mecca. Alcune voci affermano, inoltre, che cause di altre morti deriverebbero da violenze e schiacciamenti causati dalla folla cospicua.

PUBBLICITÀ

Da questi dati le statistiche seguono un tratto ascendente se si considera che lo scorso anno morirono circa 240 persone contro le 900 di quest’anno. I malori si sono manifestati in vari momenti del pellegrinaggio. Alcuni fedeli hanno testimoniato di aver visto i loro compagni svenire mentre tentavano di compiere la simbolica lapidazione del diavolo. Altri ancora hanno perso di vista i loro cari a causa del caldo e della folla

Cosa prevede il pellegrinaggio alla Mecca?

Noto e insito nella fede ormai da secoli, l’hajj è il pellegrinaggio islamico alla Mecca e nelle sue zone limitrofe. Questa attività sacra costituisce per i fedeli l’obbligo di essere eseguita almeno una volta nella vita.

Le attività rituali che contrassegnano il pellegrinaggio sono quattro.
1)La sacralizzazione, che consiste nell’introspezione rivolta a Dio e nel nel pronunciare la talbyia, ovvero la preghiera di lode a Dio.
2)il pellegrinaggio attorno alla Kaaba sette giri completi attorno al luogo sacro della Medina
3) percorso tra Safa e Marwa, che va effettuato sette volte avanti e indietro
4)La sosta ad Arafat, obbligatoriamente entro il pomeriggio del 9 e l’alba del 10, nella quale sono prescritti alcuni comportamenti, come la lapidazione rituale del diavolo, i sacrifici rituali, il taglio dei capelli, e la permanenza in determinati luoghi santi.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Festa a Marano, gioca 1,20 euro al ‘MillionDay’ e vince un milione

Domenica 21 luglio è stata registrata una mega vincita a Marano di Napoli. Un fortunato giocatore ha scommesso 1,20...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ