Telefonino e drone nel carcere campano, scatta il sequestro

Drone in carcere

Un drone è stato sequestrato dalla polizia penitenziaria nel presso dell’area autoparco del carcere di Carinola, nel Casertano. Ne dà notizia il segretario nazionale del Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria), Emilio Fattorello. A quanto riferisce il rappresentante dell’organizzazione sindacale il drone era munito anche di una videocamera. Successivamente gli agenti della polizia penitenziaria hanno proceduto al rinvenimento di un telefono cellulare funzionante.

Il cellulare è stato ritrovato durante una perquisizione straordinaria, effettuata durante la notte nei locali detentivi del Nuovo Padiglione. Il telefono era nascosto dietro un congelatore. Il Sappe evidenzia «la professionalità del Personale della Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa di Reclusione di Carinola», che «riesce a garantire il prioritario compito istituzionale della tutela dell’ordine e sicurezza di un Istituto complesso come quello di Carinola».