Tifosi juventini spaccati per i cori anti-azzurri: napoletani contro nordisti

True Boys contro Tradizione. Tifosi juventini di Napoli contro tifosi juventini di Torino, scrive il quotidiano torinese La Stampa raccontando di una situazione molto particolare nel tifo juventino: “In ballo, in questa disputa di messaggi Facebook e comunicati social, c’è l’accesso alla curva Sud. Nell’ultimo match allo Stadium i tifosi juventini provenienti da Napoli hanno chiesto ai colleghi torinesi di non cantare cori «irrispettosi» contro la città del Vesuvio, in virtù del comune amore bianconero. Ma gli ultrà sabaudi, che sono teste dure, hanno continuato lo stesso a urlare «Napoli col fuoco». I partenopei, impetuosi e orgogliosi, non hanno gradito. E così quelli del gruppo ultrà True Boys, nato di recente, hanno risposto sui social scatenando una lite a distanza. A riportare la notizia è il sito internet TuttoNapoli.it. 

I sabaudi juventini non sono rimasti a guardare e dal profilo del gruppo ultrà Tradizione hanno messo le cose in chiaro. «Noi non riconosciamo i True Boys e tanto meno hanno uno striscione». Colpo basso,questo. Perché in curva, si sa, se non hai lo striscione non esisti, sei meno di zero. Da Napoli hanno replicato a tono, quelli dei True Boys. «Chi si credono di essere lassù? Non comandano loro, solo perché sono a Torino» dicono da Napoli. «C’hanno da accidere uno a uno se non vogliono farci andare in curva»”.