Tragedia in Questura: commissario si spara al cuore con la pistola d’ordinanza

Dramma nella Questura di Bologna. Non ha seguito i colleghi usciti per la pausa pranzo il poliziotto di 52 anni che si è poi suicidato sparandosi con la sua pistola d’ordinanza nell’ufficio di gabinetto. Lo hanno trovato nel suo ufficio alcuni colleghi. L’agente, un sostituto commissario, si sarebbe sparato un colpo al cuore. Sconosciuti per ora i motivi del gesto: al momento non sarebbero stati trovati biglietti.

Il sostituto commissario, originario di Bologna, che si è tolto la vita lavorava nella città emiliana da una trentina d’anni. Attualmente ricopriva la carica di capo della Segreteria dell’Ufficio di Gabinetto della Questura. La notizia si è diffusa rapidamente tra i colleghi, molti dei quali hanno lavorato con lui per diversi anni. Il poliziotto lascia una moglie e due figli