murales

Continua l’opera di rimozione di murales, altarini e manufatti abusivi, dedicati a persone o fatti riconducibili alla criminalità organizzata. Un impegno preso nel Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con il Prefetto di Napoli, i vertici territoriali delle Forze dell’Ordine, la Procura della Repubblica e la Procura Generale, che stiamo mantenendo con un lavoro settimanale programmato su tutto il territorio cittadino.

Dopo la rimozione del murale a Vincenzo Di Napoli, si è intervenuti nel Rione Conocal, nel quartiere di Ponticelli, alla rimozione della raffigurazione di Emanuele Errico. Rimosso un murale che era realizzato a Ponticelli per omaggiare ‘Pisellino’ vittima di un agguato a 19 anni, il 26 aprile del 2018. Mentre si trovava in strada invece che agli arresti domiciliari, come avrebbe dovuto essere.  Il movente dell’agguato e dell’omicidio fu una lite per la spartizione di un bottino di una rapina. Lo stesso Errico, il giorno prima di morire, aveva incendiato due scooter appartenenti a due affiliati ad un clan.

Altro intervento importante fatto nel quartiere Montecalvario dove è stato abbattuta un’opera muraria abusiva di grandi dimensioni. Occupava in maniera significativa il suolo pubblico, in prossimità di un incrocio, che fungeva da altare commemorativo per Vincenzo Masiello, ventiduenne ucciso a colpi di pistola per questioni di rivalità con un esponente della criminalità.

“Non ci fermiamo – dichiara l’Assessore ai Giovani e alla Sicurezza Urbana Alessandra Clemente. Cancellare il racconto di fatti criminali imposto ai cittadini, tra l’altro con opere abusive che deturpano i nostri quartieri. Una responsabilità che abbiamo e che intendiamo portare a termine in breve tempo. Ci lavoriamo da tanto ed ora, grazia al grande lavoro di tutti, ci stiamo riuscendo.”

Napoli, al via la rimozione di 40 altarini e murales della camorra: ”Simbolo del male”

Continua il braccio di ferro tra criminalità e forze dell’ordine sui simboli disseminati in città. Altarini, scritte e murales riconducibili a eventi o persone legate alla criminalità organizzata. Sono finiti al centro dell’attenzione della Prefettura di Napoli che questa mattina ha dato il via alle operazioni per la loro rimozione.

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.