20.9 C
Napoli
martedì, Giugno 25, 2024
PUBBLICITÀ

Colpo di scena al processo contro i Casalesi, i testimoni non si presentano in aula: Schiavone jr tra gli accusati

PUBBLICITÀ

Vittime sì, ma non troppo. Imprenditori perseguitati dalla camorra, ma non al punto da riferirlo ai giudici. Hanno forse ragionato in questo modo i due testimoni del processo «Titano», il maxi procedimento con le radici nel Casertano, ma con i «tentacoli» nella Repubblica di San Marino, dove il clan dei Casalesi è accusato di aver «riciclato» denaro in una banca attraverso la società Fincapital. Così, dopo il primo verbale rilasciato, tremante, ai carabinieri del Ros di Modena, le due vittime della camorra non hanno confermato le accuse in tribunale e sono sparite. Sono Michel Philippe Burgagni, l’imprenditore della Repubblica di San Marino vessato dagli «emissari» della camorra degli Schiavone, e la sua ex compagna, la russa Elena Schergoleva di Riccione. Ieri, erano attesi in tribunale a Santa Maria Capua Vetere. E invece non c’erano. «E va bene», ha tuonato in aula il pm Maurizio Giordano della Procura Antimafia.
«Capisco il timore e dico che non è necessaria la rogatoria per Burgagni, ma almeno per la Schergolera propongo l’accompagnamento coatto in aula, con la scorta e le dovute cautele». Oltre ai pentiti, è necessario un riscontro concreto, una voce «esterna» al coro dei collaboratori di giustizia – si legge su Il Mattino – Il processo si compone anche di documenti e di deposizioni che parlano di denaro e affari illeciti ai piedi del monte Titano. San Marino utilizzata a mo’ di lavatrice da Carmine Schiavone, figlio del boss Francesco Schiavone «Sandokan». Era stato quest’ultimo, il secondogenito del «padrino» al 41bis, per gli inquirenti, ad avere l’idea di trasferire il contante in ciò che era considerato, fino a poco tempo fa, il piccolo «paradiso fiscale» incastonato sull’Appennino tosco-romagnolo. Non a caso, fra gli imputati compare Sigismondo Di Puorto «braccio» imprenditoriale in Emilia Romagna della camorra, ma anche Ferdinando Raia. È, dunque, necessaria una dose di coraggio. Anche se non c’è.
E così, la russa ex consorte dell’imprenditore, dovrà presentarsi davanti ai giudici del tribunale la prossima settimana. A lei sarà chiesto di additare professionisti sammarinesi e referenti del clan dei Casalesi e della camorra di Acerra che sul Titano avrebbero investito milioni per poi tentare di uscirne quando le cose si erano poi messe male. Già, perché sul secondo filone d’inchiesta sulle «sospette» operazioni edilizie e la provenienza dei capitali, le dichiarazioni del pentito Salvatore Venosa hanno ampiamente svelato il «sistema» di riutilizzo del denaro. Il «canale» di reimpiego grazie a società di capitali nello stato di San Marino doveva confluire nella creazione di una struttura satellite operativa nelle Marche ed in Emilia Romagna per la gestione degli affari illeciti. Tutto veniva investito nel mattone in queste due regioni.
Sul banco del pm, una serie di accuse per riciclaggio di denaro sporco ed estorsioni; nella lista degli indagati, era spuntato certo il nome di Schiavone jr, ma anche quello di Franco Agostinelli, considerato dalla Procura un «carneade» del riciclaggio, l’uomo che si sarebbe attivato per «radicare» il clan dei Casalesi tra la Repubblica di San Marino e la riviera Romagnola, tra Riccione e Rimini. Agostinelli si è sempre difeso spiegando che nei confronti dei testimoni c’era solo un recupero crediti. Il teste Burgagni aveva capito male, dunque, quelle presunte intimidazioni? Era stato proprio lui che, armato di coraggio, aveva riferito ai carabinieri: «Le minacce le ho intese come ‘dovunque vai ti troviamo’ – aveva spiegato – le pistole, le minacce ai figli…un padre e una madre si preoccupano: non so se fosse una bugia o realtà. Per noi era una realtà».

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

La critica di chef Alessandro Borghese: “In Italia nessuno cucina più, viviamo tutti di Glovo e Just Eat”

Non si risparmia neanche questa volta l'illustre chef italiano Alessandro Borghese. Nel  podcast "Tintoria" con Stefano Rapone e Daniele...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ