L’Unità di Crisi della regione Campania comunica che dalla mattinata odierna sono stati analizzati:
– presso il centro di riferimento dell’ospedale Cotugno 97 tamponi, di cui 11 risultati positivi;
– presso il centro di riferimento dell’ospedale Ruggi 77 tamponi, di cui 9 risultati positivi;
– presso il centro di riferimento della Federico II 33 tamponi, di cui 5 risultati positivi.
Totale positivi di oggi: 25
Totale positivi in Campania: 774
Totale tamponi effettuati: 4052
Napoli, 20 marzo 2020 ore 16.40

De Luca, rischio è che conteremo morti

 C’è stato un aumento dei contagi in Campania per diverse ragioni: “per il ritorno dei cittadini dal nord ma anche per l’inciviltà, irresponsabilità e bestialità di componenti rilevanti della nostra società”. Lo ha detto in diretta Facebook il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. Da qui l’appello ai cittadini: “Se continua questo andazzo, conteremo i morti e rischiamo di non avere posti per ospitare i vostri padri e le vostre madri”.
“E’ stata data disposizione all’Unità di Crisi della Regione di considerare attualmente una priorità assoluta sul piano regionale gli interventi per le forniture all’ospedale Moscati di Avellino. Oltre agli invii già effettuati, in giornata l’ospedale sarà dotato di altre tre ventilatori polmonari mobili per la terapia intensiva e sub-intensiva. Dalla prossima settimana saranno consegnati anche quelli ‘fissi’ al presidio di Avellino. Analoghe disposizioni per i dispositivi di protezione individuale”. Così l’Unità di crisi. “Per quanto riguarda l’ospedale di Ariano Irpino sono già attivi da oggi 7 posti letto di terapia intensiva e altri 15 saranno pronti dalla settimana prossima, con l’arrivo dei ventilatori polmonari. Si arriverà, a conclusione dei lavori in corso a 32 posti di degenza Covid. Contestualmente presso l’ospedale di Sant’Angelo dei Lombardi saranno disponibili altri 8 posti di terapia intensiva, così come è già previsto l’ampliamento dei posti letto nel presidio di Bisaccia”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.