Aggressione Licola
Immagine di repertorio

I carabinieri di Licola hanno fermato un 45enne tunisino, regolare sul territorio nazionale, il quale, nel corso della mattinata, aveva percosso e aggredito con un coltello da cucina la moglie convivente, 49enne marocchina, con la quale era in fase di separazione da circa un anno e mezzo.

In particolare, l’uomo, al culmine dell’ennesima lite in questa circostanza per la pretesa di 30 euro come contributo per le spese legate all’affitto di casa, aveva iniziato a ingiuriare e malmenare la donna e, per vincere la strenua resistenza opposta dalla donna, ha afferrato un coltello da cucina e tentato di sferrarle un fendente che la vittima è riuscita a parare frapponendo l’avanbraccio. A quel punto, l’arrestato si è dato alla fuga prima dell’arrivo dei carabinieri rendendosi irreperibile e la donna si è recata presso l’ospedale di Pozzuoli dove è stata medicata per la contusione allo zigomo e il taglio sul braccio, venendo dimessa con una prognosi di dieci giorni.

In esito alle serrate ricerche messe subito in atto, il fermato è stato rintracciato nel tardo pomeriggio presso la propria abitazione, dove era furtivamente rientrato e da cui cercava di dissimulare la propria presenza. E’ stato condotto presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.

Proseguono le indagini su episodi di violenza subiti dalla vittima nel recente passato.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.