Frescarino, ex agente polizia penitenziaria in manette per spaccio

Luigi F., 48 anni, è finito in manette poiché sorpreso in auto con 4 chili di hashish. In sella al mezzo, con lui, anche la figlia 21enne. Nella sua casa di Arzano i Falchi della Squadra Mobile hanno trovato un ulteriore chilo di stupefacenti tra cocaina, hashish e marijuana.

Una storia ‘ordinaria’ se non riguardasse un ex agente della polizia penitenziaria di Napoli. Il 48enne, infatti, il 5 marzo del 2018 fu arrestato in seguito ad indagini sul suo conto dai colleghi della penitenziaria del carcere di Poggioreale. Gli agenti lo sorpresero con 80 grammi di hashish. La sostanza stupefacente era destinata, secondo quanto appurato dai colleghi, ai detenuti del carcere napoletano. Per lui scattarono le manette per traffico e detenzione di stupefacenti. Condannato in primo grado a tre anni, in Appello la pena è stata ridotta a due anni di detenzione, poi sospesa.

Il nuovo arresto 

L’ex basco blu, il 13 aprile scorso, è stato sorpreso dai Falchi in compagnia della giovane figlia con 39 panetti di hashish dal peso di circa 4 chili. La droga era nascosta dietro al sedile del passeggero.

I poliziotti hanno effettuato un controllo presso l’abitazione dei due dove hanno rinvenuto, all’interno di un armadio, una busta con 50 grammi circa di marijuana, una bustina contenente 3,5 grammi circa di cocaina, 6 panetti del peso di circa 600 grammi di hashish, un bilancino di precisione e diverso materiale per il confezionamento della droga, mentre, nel vano sottosella del motoveicolo di proprietà dell’uomo, hanno trovato 100 stecche di hashish ed altre 2 bustine della stessa sostanza per un totale di 284,57 grammi.

Luigi F. e V.F., padre e figlia di 48 e 21 anni, napoletani con precedenti di polizia, sono finiti in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.