12.9 C
Napoli
sabato, Dicembre 4, 2021
- Pubblicità -

Assalto alla gioielleria a Napoli, estradati padre e figlio: sono parenti dei Saltalamacchia


Sono stati estradati dalla Spagna, atterrando a Roma prima del trasferimento al carcere di Rebibbia. Per Antonio e Salvatore Cortese, padre e figlio di 50 e 28 anni, si aprono così le porte del carcere. I due, imparentati con la famiglia Saltalamacchia della Pignasecca, sono destinatari di un mandato di arresto europeo emesso a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare del 24 giugno del 2019 del G.I.P. presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro il patrimonio, rapina aggravata, furto aggravato, porto e detenzione di armi comuni da sparo.

Gli stessi sono i componenti della cd. “Banda del buco” che all’esito delle misure cautelari del 25 giugno scorso erano riusciti a sottrarsi ai citati provvedimenti restrittivi.  Le attività investigative coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli e condotte dalla squadra mobile – Sezione Antirapina hanno consentito di localizzare i Cortese nella città spagnola di Malaga ove sono stati tratti in arresto. I due erano ricercati per la rapina alla gioielleria ‘Trucchi’ di piazza dei Martiri avvenuta nel giugno del 2019.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

É un dentista l’uomo che voleva vaccinarsi con il braccio di silicone, la protesi comprata online

Guido Russo, 57 anni, dentista che si era presentato col braccio in silicone per ottenere il Green pass senza vaccinarsi, non nascondeva certamente le...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria