Aveva mal di testa, l’otorino le trova nel timpano l’orecchino perso un mese prima

Per oltre un mese ha cercato ovunque l’orecchino con il diamantino che portava all’orecchio destro, regalo di sua suocera. Un regalo di valore economico ma anche affettivo. Ha setacciato palmo a palmo il letto, nell’auto nei luoghi in cui lo avrebbe potuto perdere ma di quell’oggetto nessuna traccia. Dopo oltre un mese, però, Emanuela P., 33enne di Lariano, ormai rassegnata all’idea di averlo perduto, ha iniziato ad avvertire un certo malessere allo stesso orecchio. Un malessere che via via è diventato dolore. “Ho pensato – ha detto – che dipendesse dalla sinusite di cui spesso soffro; che fosse dovuto ad un tappo di cerume creatosi nell’orecchio”.

Per questo la donna mercoledì mattina si è sottoposta ad un a visita dell’otorino il quale gli ha dato una bella notizia: aveva ritrovato l’orecchino; ed una brutta: la punta rischiava di bucargli il timpano ed era già causa di una pericolosa infezione. Aveva cercato quel piccolo gioiello nei posti più impensabili ad eccezione del condotto uditivo dove, probabilmente era caduto una notte. Ad impedire il contenimento dell’infezione per quasi un mese è stata certamente la cura antibiotica a cui la donna si è sottoposta in quello stesso periodo a causa di una bronchite.

Finita la copertura antibiotica sono cominciati i problemi e così la corsa all’otorino che le ha consigliato vivamente di recarsi al pronto soccorso dell’ospedale di Velletri dove i medici, dopo esami radiografici per stabilire l’esatta posizione dell’oggetto estraneo e il danno che aveva provocato, con non semplici manovre lo hanno estratto. Purtroppo, mancava il diamantino e la parte metallica la ragazza ha preferito lasciarla ai medici per arricchire la loro collezione di cimeli estratti dalle orecchie dei loro pazienti. La notizia riportata dal Mattino.