Batteva la concorrenza sui prezzi, ma lo studio era abusivo

(Lo studio dentistico abusivo sequestrato dalla Finanza - archivio)

Era da tempo lo studio dentistico più gettonato di Portici. La posizione centralissima non può spiegare, da sola, l’enorme successo. Il passapoarola diceva che quello era lo studio dentistico migliore per rapporto qualità-prezzo. In effetti, lo studio dentistico di via Libertà batteva nettamente la concorrenza sui prezzi per i servizi offerti. Alle volte così competitivi da destare più di un dubbio tra i competitors in zona. Questa mattina, a dare un’occhiata ci sono andati gli uomini della Finanza del Comando Provinciale di Napoli. E non ci hanno messo molto a svelare l’arcano. Il titolare non era nemmeno registrato al fisco. Ma non solo. Durante i controlli, eseguiti assieme agli uomini dell’ASL Napoli 1, sono emerse altre gravi mancanze. Lo studio dentistico, difatti, non era in possesso di alcun permesso sanitario. Al termine dei minuziosi controlli, gli uomini della Guardia di Finanza ha sequestrato l’appartamento adibito a studio dentistico. Sono state sottoposte a sequestro anche le attrezzature, i farmaci e il mobilio che componeva lo studio. Non è finita qui. Dopo aver ripristinato in un sol colpo la corretta concorrenza, sono scattate le indagini per quantificare il danno fiscale e l’impatto – nel caso del titolare, positivo – che esso ha avuto sul tenore di vita del titolare denunciato. La Finanza è molto attenta nel salvaguardare la corretta concorrenza tra esercizi commerciali, nel rispetto della legge. Questo non è, infatti, che l’ennesimo caso scoperto di truffa ai danni dello Stato