Bimba uccisa dal papà in provincia di Napoli, la foto della famiglia felice

La foto di una famiglia felice e poi il disperato dramma. A mezzogiorno un papà ha lanciato la figlia di 16 mesi dal secondo piano, poi si è buttato dalla casa della suocera. La tragedia è avvenuta in via Cozzolino, una delle strade principali del comune vesuviano.
Come riporta il Mattino la piccola è morta sul colpo mentre il 35enne è ricoverato al Cardarelli dove lotta tra la vita e la morte. Ignote le cause che hanno spinto l’uomo a compiere l’estremo gesto. I fatti sono avvenuti stamattina verso 12. Sul luogo sono in corso indagini dei carabinieri che hanno transennato la zona per effettuare i rilievi del caso.
 
Ancora non sono chiari i motivi dietro il folle gesto. In questi minuti i militari dell’Arma stanno cercando di sentire i testimoni. Si tratta di una tragedia immane per la piccola comunità alle falde del Vesuvio, già sconvolta in passato da tragedie ma mai così feroci e brutali come quella dell’uccisione di una bimba  così piccola ed innocente.
l padre lotta ora tra la vita e la morte all’ospedale Cardarelli di Napoli dove è stato trasportato d’urgenza. Dopo aver lanciato la piccola anche lui si è gettato nel vuoto per farla finita. 
Secondo una primissima ricostruzione – come riporta Il Mattino- l’uomo era in casa con la moglie, entrambi vivono a Caserta. Le avrebbe chiesto, con una scusa, di allontanarsi, di andare in un’altra stanza, poi la tragedia.
 Tra il marito e la moglie – come riporta l’Ansa -sempre secondo primi accertamenti, ci sarebbero stati dei problemi: la coppia, sembra, si stava separando