26.7 C
Napoli
venerdì, Agosto 19, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Covid in Campania, i nuovi positivi superano quota 18mila: boom di ricoveri


Netto aumento dei ricoveri nei reparti ordinari in Campania per Covid. Si passa infatti dai 540 di ieri a 581 di oggi. Cresce, anche se di una solo unità, arrivando a 34 l’occupazione nelle terapie intensive. Un mese fa le persone ricoverate nei reparti ordinari erano 318, quelle nelle intensive meno della metà di oggi, 15. Cinque i morti registrati. Boom di nuovi positivi, 18.633 su 50.759 test: il tasso di positività è del 36,7%, leggermente in calo rispetto al 37,68 di ieri. (ANSA).

“In Campania il numero più alto di positivi”, De Luca preoccupato per l’estate

Vincenzo De Luca è tornato a parlare dell’aumento dei contagi covid in Campania. Oggi il presidente della Regione ha lanciato una nuova allerta: “Dobbiamo tenere gli occhi aperti. Ieri la Campania ha avuto il numero di positivi più alto d’Italia. Bisogna stare attenti: il picco della la nuova ondata arriverà a fine luglio. Avremo una fine d’estate e un inizio di autunno delicato. Dobbiamo garantire il massimo di assistenza ai nostri concittadini“.

Speranza: ripresa casi, faremo conti con ricadute su ospedali

Noi siamo in un’epoca di ripresa anche nel nostro Paese dei contagi , che stanno crescendo, e sappiamo benissimo che quando il numero dei contagi cresce in maniera così larga anche se la percentuale di ricaduta sui nostri presidi sanitari è più limitata rispetto al passato grazie alla campagna di vaccinazione, però hai comunque una ricaduta con cui fare i conti“. Lo ha detto il ministro della salute Roberto Speranza, intervenendo al convengo organizzato dalla Fiaso per i 30 anni dalla legge che ha introdotto, in Italia, le aziende sanitarie.

Gli ospedali, ogni volta che una curva die contagi cresce, si attrezzano per poter accogliere le persone. Ma ora abbiamo numeri molto più bassi del passato. Siamo arrivati a avere 4000 persone in terapie intensiva, oggi ne abbiamo circa 300, quindi siamo in una fase diversa e abbiamo strumenti diversi per gestire la pandemia. Ma è chiaro che gli ospedali devono avere flessibilità, quindi qualora servissero posti letto siamo pronti a affrontare la sfida“.

LA CAMPAGNA VACCINALE AUTUNNALE

Ci prepariamo a una campagna vaccinale in autunno in cui allargheremo l’età per il richiamo” del vaccino anti Covid. Lo ha detto il ministro Speranza, intervenendo al convengo organizzato dalla Fiaso per i 30 anni dalla legge che ha introdotto le aziende sanitarie. In questo contesto il ministro ha aggiunto un appello ai direttori sanitari a fare il possibile per migliorare, già ora, “la copertura della quarta dose di vaccino ai fragili e agli anziani“.

A partire dal 2010 il personale sanitario ha subito un calo del 5,6%, ovvero mancano all’appello 5mila medici, quasi 11mila infermieri e più di 23mila altri operatori sanitari, per un totale di 40mila unità. Una riduzione che ha condotto alla situazione di debolezza evidenziata dalla pandemia di Covid-19. Nel corso dell’emergenza sono però stati reclutati precari che ora, grazie alla legge sulle stabilizzazioni, possono essere assunti. “Già 10 regioni su 20 – spiega il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore – hanno stipulato accordi per procedere con i contratti a tempo indeterminato”.

IL TETTO ALLA SPESA

I dati sono stati illustrati oggi al convegno “Da 30 anni al servizio dei cittadini: il direttore generale nelle aziende sanitarie pubbliche”, organizzato al Ministero della Salute dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere. Si tratta di una conseguenza dei provvedimenti previsti dalla legge di bilancio 2010, che ha introdotto un tetto alla spesa per il personale pubblico ed è andato di pari passo al blocco del turn over e ai Piani di rientro in molte regioni del Centro-Sud Italia.

“Da dieci anni – continua Migliore – a fronte di nuovi bisogni sanitari e con l’invecchiamento della popolazione, non è cresciuto l’investimento per il personale: mancano 40mila professionisti”. Secondo il presidente Fiaso, inoltre, “per colmare il divario decennale, occorre abbandonare la logica dei tetti di spesa e incrementare il finanziamento destinato alle assunzioni di nuovi professionisti”. Insieme, conclude, “abbiamo superato due anni violenti, siamo stati esposti a stravolgimenti. Ora abbiamo bisogno che la straordinarietà diventi ordinarietà”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alberto Raucci
Alberto Raucci
Alberto Raucci, 27 anni. Dal 2018 collaboro con InterNapoli.it, diventando giornalista pubblicista (e conseguendo quindi il tesserino) nel 2020. Nel corso degli anni ho avuto modo di scrivere anche per AbbìAbbè, giornale online e mensile in carta stampata. Abile nella produzione e nel montaggio video.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Napoli. “Dammi l’orologio”, turista sventa la rapina e fotografa i ladri: fermati

Martedì pomeriggio una donna si è presentata presso gli uffici della Questura per denunciare di aver subito un tentativo...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria