Oggi il virus fa registrare 2.113 positivi su 26.533 tamponi effettuati, 67 in meno di ieri con 11.273 tamponi in più processati. In percentuale, significa che è positivo il 7,96% dei test, cinque punti percentuali in meno di ieri quando l’indice di contagio era al 13,40%. Di tutti questi nuovi contagiati, 2.113 sono asintomatici e solo 168 presentano sintomi in un bollettino che però non tiene conto dei casi identificati con test antigenici rapidi.

Quattro regioni – LombardiaEmilia-RomagnaCampania e Toscana – non navigano in ottime acque. Ognuna con livelli di diffusioni del virus differenti che tendono tuttavia a far salire verso l’alto la curva dei contagi. Questi sono i territori che potrebbero finire nelle aree a maggiori restrizioni già dalla prossima settimana. Difficile capire se questo possa riguardare l’intera regione o solo alcune province o comuni.

Anche in Campania preoccupa l’ascesa dei contagi. Una condizione che potrebbe portare già dal prossimo lunedì alla decisione drastica di collocare la regione in zona rossa. La decisione arriverà venerdì con la nuova ordinanza del ministero della Salute.

Vaccino anti Covid, Mise: aziende italiane pronte a produrre principio attivo in 6 mesi

Vaccini anti Covid prodotti in Italia, nell’incontro che si è svolto oggi al Mise sulla possibilità di avviare questa linea di produzione è stata verificata la disponibilità di alcune aziende a realizzare i bulk, ossia il principio attivo e gli altri componenti del vaccino anti Covid, perché già dotate, o in grado di farlo a breve, dei necessari bioreattori e fermentatori. La produzione potrà avvenire a conclusione dell’iter autorizzativo da parte delle autorità competenti, in un tempo stimato di 4/6 mesi.

Prof muore a Napoli 4 giorni dopo vaccino, disposta autopsia

Sarà l’esame autoptico a fare luce sulle cause del decesso di Annamaria Mandile, l’insegnante napoletana di 62 anni morta ieri in casa, nel quartiere Arenella di Napoli, dopo avere accusato un malore. La Procura di Napoli ha infatti disposto il sequestro della salma e l’esame autoptico.

Secondo quanto rendono noto organi di stampa, la docente, sabato scorso, si è sottoposta alla vaccinazione, presso la struttura allestita nella Mostra d’Oltremare, nel quartiere Fuorigrotta della città.

    Secondo quanto riferito, la donna aveva accusato delle crisi di vomito che però figurano tra gli effetti collaterali del vaccino. Ieri però le sue condizioni di salute sono peggiorate e i familiari hanno chiamato il 118 che però, giunti a destinazione, in via Domenico Fontana, non sono riusciti ad evitare la tragedia.

Insegnante di Napoli muore 4 giorni dopo il vaccino: la denuncia – https://bit.ly/309mcNC

Pubblicità