Casoria. Giocava a poker agli arresti domiciliari tra la droga e una spada: arrestato

Casoria: è ai domiciliari. Nell’appartamento accanto i carabinieri scoprono un tavolo da poker e in casa ha una katana. Va in carcere. Protagonista della vicenda Ciro Russo, 35 anni, agli arresti domiciliari per droga e armi. Avrebbe potuto avere contatti solo con il proprio nucleo familiare e non avrebbe potuto utilizzare alcun dispositivo che gli permettesse di comunicare con chiunque altro, come telefoni cellulari o pc.

I carabinieri della stazione di Casoria procedendo a un controllo ordinario dei soggetti agli arresti domiciliari lo hanno sorpreso in casa in compagnia della moglie e dei figli ma anche di una coppia di amici. Nell’appartamento attiguo, inoltre, anche questo in uso a lui, aveva allestito un tavolo da poker e su una sedia aveva un pc connesso alla rete dell’appartamento principale.

Le verifiche non sono finite lì: durante la perquisizione nell’abitazione sono stati rinvenuti anche una katana, 100 grammi di marijuana e materiale per dividerla in confezioni. I militari lo hanno dunque tratto in arresto per detenzione di stupefacente a fini di spaccio e detenzione abusiva di arma bianca.