Trans scoperta
Trans scoperta

Dopo aver contattato una escort su Telegram ha contrattato per una prestazione sessuale ricevendo l’appuntamento nella casa della professionista a Quartu. Una volta sul posto, però, il giovane si è trovato davanti a un trans venezuelano.

Così il cliente, un 25enne di Cagliari, ha deciso di tirarsi indietro comunicando al suo interlocutore di non voler più consumare il rapporto e di voler abbandonare l’appartamento.

La escort-trans avrebbe reagito minacciando con un coltello il cliente: “Pagami ugualmente o per te finisce male”, gli avrebbe urlato invitandolo a consegnare ugualmente i cento euro pattuiti prima di allontanarsi. Il giovane ha così effettuato la transazione online sull’Iban del professionista tramite smartphone. Ma una volta uscito per strada è corso dai carabinieri della locale Compagnia per denunciare l’accaduto.

I militari sono subito risaliti al responsabile mediante i dati del pagamento ed è scattata la denuncia per estorsione.

Vista la mala parata e la superiore struttura fisica della trans, il cliente ha deciso di pagare ugualmente, ma tramite un bonifico bancario sull’Iban indicato dalla mancata fornitrice di prestazione sessuale. Conclusa l’operazione effettuata tramite smartphone, il cliente è potuto andar via ma è corso subito alla caserma della Compagnia carabinieri di Quartu per denunciare l’accaduto. Con pochi accertamenti, i militari hanno individuato la trans e l’hanno denunciata per estorsione. Si tratta di una 27enne venezuelana, immigrata a Cagliari, incastrata oltre che dalle dichiarazioni e dal riconoscimento effettuati dalla vittima, anche dai riscontri telefonici e dall’operazione bancaria assolutamente tracciabile

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.