Ciliegie Giappone
Un paio di ciliegie

In Giappone pazzi per le ciliegie, vendute al prezzo record di 230 euro l’una.

Questo potrebbe essere l’indicatore più improbabile di una ripresa economica post-pandemia. Una confezione composta da 15 ciliegie di prima qualità è stata venduta all’asta al prezzo di 450.000 yen, pari a circa 3.400 euro cioè 230 euro a pezzo.

In Giappone pazzi per le ciliegie, vendute al prezzo record di 230 euro l’una

Nello specifico, la ciliegia della varietà più ricercata, conosciuta per il sapore dolce e la gradevolezza ha una larghezza minima di 31 millimetri ed è chiamata con il nome di “Battiti del cuore di Aomori”.

La confezione è stata la prima dell’anno ad essere messa all’asta al mercato all’ingrosso di Sapporo ed è stata acquistata da un’azienda locale di alimenti, il cui presidente ha detto che sperava che l’acquisto diffondesse un po’ di buon umore. “Anche se ci sono ancora molte notizie negative, spero che possano aiutare le persone a sorridere e superare la pandemia”, ha detto alla stazione televisiva nazionale NHK.

Non solo le ciliegie, il culto della frutta in Giappone

I giapponesi hanno un culto della frutta di lusso. Pur pagando tali somme, i non guardano al costo di acquisto, in particolare quando offrono la frutta, un dono prezioso nell’arcipelago. Nei reparti dei grandi magazzini dedicati o negozi specializzati, le opere d’arte della natura sono esposte come gioielli, protette da una rete bianca. Spesso vendute singolarmente, mele, pere, pesche, uva che possono essere vendute a 10-15 euro a pezzo, presentano forme perfette e lasciano un gusto squisito al palato.

Anche nei supermercati di base, la frutta è ancora costosa: una sola mela spesso costa l’equivalente di 2 euro. I motivi sono da ricercare nella scarsità di terreno agricolo e dalla presenza di piccole aziende il più delle volte a gestione familiare che non sono in grado di produrre grandi quantità di frutta.

C’è poi la Japan Agricultural Cooperative che supervisiona il settore e predispone capitolati molto rigidi, selezionando la frutta oltre che per calibro e colore anche per il sapore. Per questo motivo i frutti in vendita al dettaglio sono assolutamente privi di imperfezioni ed esteticamente perfetti.

Eppure, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, in Italia diciamo che la frutta è cara. Se amate la frutta e non potete farne a meno… beh, cominciate ad ipotecare casa vostra, come avviene in un qualunque supermercato “Tokyo food show”. Godiamo la frutta noi che possiamo!

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.