Colpo ai clan di Miano, una ‘talpa’ avvisò il ras Cifrone

Una talpa avrebbe avvisato il ras Gaetano Cifrone permettendogli di sfuggire al maxi blitz che qualche settimana da ha decapitato i vertici della cosca di ‘Ngopp Miano’. È questa l’ipotesi investigativa riportata da Leandro Del Gaudio per Il Mattino. Grazie a questa soffiata Cifrone sarebbe riuscito a non farsi catturare divenendo di fatto latitante.

Il profilo del ras

E’ caccia aperta in tutta l’area nord a Gaetano Cifrone ‘o biond, ras dell’omonimo gruppo e sfuggito al maxi blitz di inizio settimana. Si tratta di uno dei capi del sodalizio che, dopo lo smantellamento del clan Lo Russo, ha iniziato a divenire sempre più egemone grazie anche all’alleanza con Gaetano Tipaldi, esponente della ‘vecchia guardia’ della mala di Miano e all’investitura di Oscar Pecorelli ‘o malomm, storico esponente dei Lo Russo attualmente detenuto.