31 C
Napoli
martedì, Luglio 5, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Comdata Pozzuoli, lettera dei lavoratori alla Regione Campania


Gli annunci di futuri licenziamenti tra Padova e Pozzuoli spinge i lavoratori di Comdata alla mobilitazione. Dopo lo sciopero dello scorso 7 maggio ecco che i lavoratori hanno deciso di inviare una lettera alla Regione Campania per far conoscere la loro situazione.

«Cara Regione Campania,
Comdata è un’azienda in piena crescita ed espansione, sul territorio
nazionale ed europeo. In questo processo di espansione e di diffusione
nei vari territori, non puoi accettare che releghi la Campania non in
territorio di scarto, peggio ancora, in territorio da scartare!
Infatti, Comdata non sta depennando dalla sua mappa di espansione il
territorio campano, lo sta addirittura abbandonando malgrado sia  nel
pieno del suo processo di crescita.

È necessario mettere l’azienda innanzi alle proprie responsabilità,
così come è  necessario che l’azienda Vodafone si assuma le sue.
E’ nella realizzazione del suo proposito di Cessione di Ramo (che
svariati Tribunali d’Italia e la Suprema Corte di Cassazione hanno
sentenziato essere un atto illegittimo) che è stato creato il Sito
Comdata di Pozzuoli, che ben presto è apparso come una bolla di
sapone.
Ed ora, conclusosi con la fine dei contenziosi questo suo proposito,
la bolla di sapone può dissolversi. Ma in tale bolla si sono
materializzate persone, vite, famiglie, che hanno creduto in questo
lavoro ed in questa azienda, ignare dello scopo iniziale. Queste sono
realtà e non bolle di sapone, e non si può accettare che vengano
dissolte come fossero anch’esse impalpabili ed inesistenti. Vodafone deve essere quindi richiamata alle sue responsabilità, affinchè non solo Comdata continui ad esistere nel nostro territorio anche oltre i propositi per cui era stata istituita, ma affinchè
Comdata Pozzuoli cresca e diventi un polo produttivo e redditizio più
di prima, che si tramuti da bolla di sapone in nucleo lavorativo
pulsante.

Ancora, leggiamo nei comunicati delle organizzazioni sindacali e delle
RSU che siedono ai tavoli della trattativa, che alla chiusura del sito
vengono addotte motivazioni realmente inaccettabili, per le quali e`
necessario che questa  Regione acquisisca chiarimenti ed intervenga
con forza, viene detto infatti che le aziende che forniscono Lavoro a
Comdata non vogliono che le proprie commesse siano svolte nel nostro
territorio, in quella  sede. Se ci sono valide motivazioni per scappare da Pozzuoli e dalla
Campania, allora le Istituzioni locali hanno una gravissima
responsabilita’ per aver creato, o per non aver rimosso, ostacoli seri
e concreti allo sviluppo del lavoro nei nostri territori.
Se invece non ci sono valide motivazioni, e si tratta quindi di mere
strategie discriminatorie, allora le Istituzioni locali hanno la
doverosa responsabilita’ di intervenire e di far ritirare queste
condotte ingiustificabili! Se pure nella fredda logica dei numeri si dovessero contare una
sessantina di posti di lavoro come accettabili rispetto alle cifre di
disoccupazione che oggi contiamo nel nostro territorio, quello che
proprio non si può permettere questa Regione, è di perdere un’azienda
come Comdata e di farsi bollare come territorio da scartare nella
distribuzione del lavoro!

Pertanto, con la presente, non siamo a chiedere alla Regione Campania
di salvare questi posti di lavoro, ma chiediamo alla Regione Campania
di salvare la Campania. Qualunque singolo Lavoratore Comdata voglia fare sua questa lettera, può prendersela per farla pervenire alle Istituzioni preposte.
L’importante è che questa lettera sia inviata nel modo più
“pubblico” e “visibile” possibile, iniziando, se ritenete, col
diffondere e condividere questo comunicato. Non siamo interessati a
mettere il “nostro cappello” su azioni o iniziative, per questo
regaliamo la nostra lettera a chiunque la ritenga utile».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Chi è Ivano Monzani, l’addetto alla sicurezza diventato virale per le sue smorfie su TikTok

Il concerto LoveMi, organizzato da Fedez e J-Ax, è stato un successo indiscusso. Piazza del Duomo era gremita in...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria