Cori razzisti contro Koulibaly, individuato il tifoso: «Squalifica a vita da tutti gli stadi»
Cori razzisti contro Koulibaly, individuato il tifoso: «Squalifica a vita da tutti gli stadi»

Secondo quanto riportato da Alfredo Pedullà, il tifoso viola che avrebbe rivolto insulti razzisti nei confronti di Kalodou Koulibaly, è stato squalificato a vita dagli studi. Il giornalista – apprende da fonti da Firenze – spiega che si tratta di «un uomo tra i 25 e i 30 anni. Andrà ora a giudizio e che la Fiorentina, oltre al Daspo che riceverà da parte della Questura, allontanerà dal Franchi per tutta la vita».

Il Napoli si tutela

Domenica pomeriggio è andato in scena a Firenze l’ennesimo episodio razzista nei confronti di un calciatore di Serie A. Al termine della partita vinta dal Napoli contro la Fiorentina, mentre Koulibaly, ma anche Osimhen e Anguissa, uscivano dal campo, dagli spalti del Franchi sono partiti vergognosi ululati.

La società azzurra starebbe valutando gesti estremi se casi analoghi dovessero ripetersi: il club, infatti, sarebbe pronto a fare uscire la squadra dal campo e a far sospendere la partita.

Le scuse della Fiorentina dopo i cori razzisti a Koulibaly

Prima le scuse a Kalidou Koulibaly, poi un sms a distanza per Aurelio De Laurentiis. Il caso dei cori razzisti del Franchi al termine di Fiorentina-Napoli non ferma la società toscana, che ha subito voluto rispondere all’accaduto: il dg Joe Barone, infatti, si è recato subito dopo l’accaduto da Kalidou Koulibaly, preso di mira dagli ululati razzisti dei tifosi di casa.

Subito attiva la dirigenza viola, con lo stesso Barone che ha replicato le scuse anche al vicepresidente Edo De Laurentiis, presente al Franchi con la squadra. Il club viola ha poi inviato un messaggio di scuse allo stesso patron Aurelio De Laurentiis. Nell’sms hanno spiegato che si era già passati all’azione per la ricerca dei soggetti che si sono resi protagonisti del disgustoso gesto razzista.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.