Covid, oltre 50 ragazzi tornano positivi dalle vacanze: venivano da Grecia, Spagna e Croazia

Covid, oltre 50 ragazzi positivi dopo le vacanze [Foto d'archivio]
Covid, oltre 50 ragazzi positivi dopo le vacanze [Foto d'archivio]

Prima il viaggio con gli amici, poi l’inizio dell’incubo. Negli ultimi due giorni, 54 ragazzi hanno scoperto di essere positivi al Covid dopo le vacanze in Grecia, Croazia, Malta e Spagna.

Cinque positivi al Covid nel Salentino

Sono cinque i ragazzi di Salento risultati positivi, soltanto oggi, dopo la vacanza in Grecia per la maturità. A tal proposito è intervenuto il sindaco Antonio Donno: «Due sono di Muro Leccese, uno di Maglie, uno di Squinzano e un altro di Sanarica e ora sono tutti isolamento, insieme ai loro famigliari, dopo i controlli eseguiti dall’Asl che ha ricostruito i contatti. Ma da quanto emerso dalle nostre attività, al viaggio in Grecia avrebbero partecipato non solo ragazzi pugliesi, ma anche altri provenienti da diverse regioni e ciò dovrebbe far scattare verifiche a più ampio raggio. La positività al Covid è stata scoperta solo grazie allo zelo del genitore di uno dei ragazzi che ha fatto sottoporre il figlio, a sue spese, al tampone. Dopo l’esito positivo del test è scattato il protocollo per il rintraccio degli altri componenti della comitiva e di tutte le persone con cui sono stati in contatto». Sono queste le parole del primo cittadino riportate da Il Mattino.

La situazione nelle altre regioni

Nel Lazio, invece, due ragazze di Fondi hanno scoperto di aver contratto il virus dopo la vacanza ad Ibiza. Anche un 19enne di Corigliano-Rossano (Cosenza), è tra i giovani positivi al Covid a seguito della vacanza in Croazia.

A Roma, invece, 8 giovani sono tornati positivi da una vacanza a Malta. Stessa sorte per altri 11 ragazzi provenienti però dal Siracusano. Colpito anche alcuni giovani della Toscana, che dopo aver trascorso le vacanze a Corfù, hanno scoperto di essere positivi. Agli 11 ragazzi contagiati, si aggiunge anche la madre di uno di loro.

Si abbassa l’età media dei contagiati

Dopo aver appreso gli ultimi dati, l’età media dei contagiati si è abbassata a 38 anni nell’ultimo mese. Cresce sempre di più, infatti, il numero degli adolescenti che hanno contratto il coronavirus, rientranti tra i 13 ed i 19 anni. Questi ultimi fanno parti dei casi che si contano in una settimana, i quali partono dai 100 e arrivano fino ai 200.

Contagi dall’estero in aumento, De Luca: “Chiudere frontiere o sarà emergenza”

“Abbiamo verificato, negli ultimi giorni, che l’80 per cento dei contagi Covid registrati deriva da contatti con cittadini provenienti o rientranti dall’estero. E’ indispensabile sottoporre quanti arrivano o rientrano dall’estero all’obbligo di quarantena in relazione ai voli provenienti da Paesi a rischio”. E’ quanto sostiene il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Sono indispensabili il controllo della temperatura corporea ma anche test sierologici Codi, e una stretta rigorosa sui controlli, altrimenti diventerà inevitabile la chiusura delle frontiere. L’invito ai cittadini è di rispettare rigorosamente le misure di precauzione e prevenzione previste, senza le quali va evitato di avere contatti con quanti, anche familiari, rientrano da viaggi all’estero”.

I dati Covid di ieri

Sono ben 22 i nuovi positivi al coronavirus (uno degli incrementi più rilevanti degli ultimi giorni) registrati ieri in Campania, su 1.675 tamponi analizzati. Lo rende noto il bollettino giornaliero dell’Unità di crisi della Regione, aggiornato alla mezzanotte scorsa. Il totale delle vittime resta fermo a 438, con zero decessi nelle ultime 24 ore, mentre si segnalano sei guarigioni con il totale che raggiunge quota ;4.251 dall’inizio dell’epidemia.

Positivo un tesserato della Cavese

È risultato positivo al Covid un calciatore della Cavese, squadra di calcio salernitana militante nel girone C di Lega Pro. L’allarme Covid era scattato sabato mattina, pochi minuti prima della conferenza stampa di presentazione della nuova stagione. Con i giornalisti già presenti in sala, infatti, la Cavese aveva annullato l’incontro, spiegando che era in corso “un accertamento sanitario” su di un tesserato in seguito ad un’anomalia emersa durante i controlli medici previsti dal protocollo anti-Covid della Figc. Ieri sera è arrivata la conferma della positività. In giornata tutti i tesserati della Cavese si sottoporranno nuovamente a test sierologico e tampone. L’imprevisto, intanto, ha costretto la società a rinviare la partenza per il ritiro di Nusco (Avellino), inizialmente prevista per la giornata di ieri.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK