Dalla gioia al dolore. La figlia si laurea con 110 e lode, papà muore durante la festa

Giugliano. I soccorsi dopo la rissa al Parco Domus Mea

Brinda con amici e parenti per la laurea conseguita con 110 e lode dalla figlia Michela presso l’Università degli studi dell’Aquila, ma improvvisamente si accascia al suolo. Pineto Maiella 71enne di Montesilvano (Pescara), ex macchinista delle Ferrovie, viene rianimato e trasferito al pronto soccorso. Ma finisce in coma e alle ore 12 del 25 luglio muore, fra la costernazione dei familiari.

Quella mattina Pinetto, molto emozionato per l’ammirevole traguardo raggiunto dalla sua adorata Michela, dopo la caduta aveva ripreso conoscenza e si era seduto nella propria vettura, ma accusava un forte dolore alla testa. Purtroppo, finendo sul selciato, aveva battuto pesantemente il capo ed anche per una precedente assunzione di farmaci coagulanti il pensionato delle Ferrovie entrava in coma. E così quella che doveva essere un festosa giornata per la laurea della secondogenita Michela, si trasformava in un inatteso giorno di morte.