giuseppe arrestato scampia
La foto di Giuseppe Patrociello

Ex latitante torna a spacciare, Giuseppe arrestato per ‘colpa’ del calzino. Ieri mattina gli agenti del Commissariato di Scampia, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, notavano vicino ai porticati di un edificio in via Ghisleri, due persone che consegnavano del denaro ad un uomo. Dopo aver intascato i soldi un uomo si allontanava verso di un’aiuola per prelevare qualcosa.

I poliziotti hanno raggiunto e bloccato lo spacciatore trovandolo in possesso di due involucri di eroina e di 325 euro. Inoltre rinvenivano occultato e mimetizzato nel manto erboso, un barattolo di vetro in cui era racchiuso un calzino con 17 involucri e 5 cilindretti della stessa sostanza per un peso complessivo di circa 12,2 grammi e 19 cilindretti e 3 involucri contenenti 17 grammi circa di cocaina. Arrestato il 44enne Giuseppe Patrociello per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Catturato a Napoli latitante. Giuseppe inventò uno stratagemma per sfuggire all’arresto: articolo del 28 novembre 2016

Doveva scontare 9 e mesi 11 per reati concernenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, ma si era dato alla macchia dal 19 novembre 2016. Gli agenti della Squadra Mobile – VI Sezione “Criminalità Diffusa, arrestarono Giuseppe Patrociello. A seguito di indagini fu stato accertato che l’uomo ebbe in più di un’occasione necessità di cure mediche per le quali, sarebbe stato necessario l’intervento di un’ambulanza e di personale sanitario.

Alla luce di ciò, gli agenti della VI Sezione della Squadra Mobile ricercarono l’uomo in casa  della madre, nel quartiere “Mercato”. Dopo aver constatato la presenza di un’autolettiga proprio in corrispondenza dello stabile interessato, entrarono nell’abitazione sorprendendo Patrociello che non oppose alcuna resistenza all’arresto. Giuseppe fu trasferito nel carcere di Poggioreale.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.