19.3 C
Napoli
mercoledì, Settembre 28, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Giugliano. Zona dell’ospedale bloccata dal traffico per i tamponi, scoppia la polemica. Il sindaco scrive all’Asl Napoli 2 Nord


Traffico in tilt in pieno centro a Giugliano a causa delle lunghe file per effettuare i tamponi anti-Covid. E’ allarmante quanto sta accadendo negli ultimi giorni nella terza città della Campania. Gli utenti che devo effettuare i tamponi anti-Covid e le ambulanze accedono all’ospedale San Giuliano attraverso il medesimo percorso. La grossa affluenza ha generato un totale blocco del traffico cittadino. La situazione, inoltre, potrebbe mettere a rischio la salute dei pazienti che arrivano in emergenza al Pronto soccorso. L’amministrazione comunale del sindaco Nicola Pirozzi è corsa ai ripari.

Il primo cittadino si è rivolto direttamente ai vertici dell’Asl Napoli 2 Nord. E’ pronto alla fattiva collaborazione al fine di evitare situazioni di pericolo: “L’attuale organizzazione oltre a creare gravi disagi all’utenza e ai miei cittadini, impedisce il rapido accesso al Pronto Soccorso. La massima e fattiva collaborazione è nell’interesse della collettività”. Pirozzi ha chiesto il trasferimento del drive-in per i tamponi nei pressi di via Campopannone. In questo modo, si andrebbero a ridurre i disagi in termini di viabilità. Sarebbe inoltre offerto un servizio efficiente evitando situazioni rischiose per i pazienti. Pirozzi ha ribadito il suo spirito collaborativo: “Restiamo a disposizione in modo che la realizzazione possa avvenire in breve tempo. Siamo pronti anche ad organizzare un sopralluogo”.

Il report sui contagi e la polemica sulle lunghe file per i tamponi

Risultano in aumento i dati sui contagi da Covid-19 a Giugliano. Secondo l’aggiornamento, che fa riferimento al periodo che va dal 20 al 26 dicembre, sono 1060 i positivi. Va tenuto conto che in molti attendono ancora l’esito dei tamponi. Sulla questione era intervenuto anche il consigliere di minoranza Paolo Liccardo: “Nemmeno il traffico degli acquisti natalizi è mai arrivato a questo livello di disagio. Si è bloccata praticamente tutta la città. Con l’aggravante che le stesse ambulanze restano bloccate, le macchine suonano, la gente sclera. Non si stanno recando ad acquistare regali ma all’ospedale, con tutta la componente emotiva e psicologica che questo comporta”. Liccardo aveva aggiunto: “Ho sentito il presidente del Consiglio Comunale e chiesto un incontro urgente al sindaco, in presenza dei capigruppo. E’ chiaro che così non può continuare, che la questione non può essere ignorata e che è responsabilità di tutti evitare il peggio, oltre che il disagio agli automobilisti. Arrivano in città macchine da ogni dove per eseguire il tampone. Ricordiamo che l’ospedale è situato in centro, con una sola corsia ad esso dedicata e col rischio di congestionare e rallentare i servizi sanitari e soprattutto di soccorso”. Anche un ex della casa comunale Francesco Carlea aveva commentato: “E’ una settimana che la corsia è bloccata dalle persone che devono fare i tamponi. E’ possibile che non si metta in moto la Protezione civile per risolvere il problema. Le ambulanze non possono recarsi al Pronto soccorso. Aspettiamo che ci scappi il morto”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Dramma a Melito, il professor Toscano trovato morto nel cortile della scuola

Poche ora fa è stato ritrovato il corpo senza vita di Marcello Toscano nel cortile della scuola Marino-Guarano a...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria