Giugliano, discarica tossica sul ciglio della strada: «Fate presto, è enorme»

(Uno scatto della discarica tossica - archivio InterNapoli)

Amianto, pneumatici, olii esausti. Metalli consumati dal tempo, plastiche, fusti di dubbia provenienza. E, ancora, scarti di lavorazione tessile, materiale di risulta e, addirittura, vecchie insegne fatte a pezzi. Certamente molto altro sfugge alla vista ma è una lista sufficiente a lasciare sbigottiti. Siamo a Giugliano, in via Domitiana, a pochi metri dal centro abitato. E’ l’anno domini 2018 e quella è terra nullius. Terra di nessuno. O, almeno, sicuramente non sembra essere un territorio sonno la giurisdizione di qualche Amministrazione politica ne di nessun altro. Anzi, forse qualcuno che gestisce queste coordinate geografiche c’è. E’ la criminalità. Che sia organizzata o meno, poco importa. Il risultato della loro “gestione”, per così dire, è sempre lo stesso: lucro per pochi, morte per molti. Volendo dare un nome noto a questo quadro sarebbe “discarica tossica”.

discarica tossica-giugliano-domitiana
(Uno scatto della discarica tossica – archivio InterNapoli)

Discarica tossica come attrazione turistica

Stando alle segnalazioni pervenute alla Redazione di InterNapoli.it,confermate dallo stato dei rifiuti ancora abbandonati sul posto, la discarica tossica è stata già incendiata. Certo non una sola volta, va detto. I residenti si dicono esausti, dello stesso avviso sono i – pochi – commercianti della zona. Per chi non fosse pratico della zona, siamo ad un passo dal Lago Patria. Luogo sensibile per la città di Giugliano. Tutta l’area è intrisa di storia, miti e leggende risalenti a epoche greche e, poi, romane. Non lontano dalla discarica tossica che vi mostriamo in foto sorge la Tomba di Scipione. Così, volendo essere precisi, sul Lago sorgono anche altre rovine come il Villaggio Olimpico per il canottaggio. Di rovine in rovine, a cui bisogna aggiungere tristemente anche le discariche e i roghi tossici. Una discarica tossica nella lista delle attrazioni della fascia costiera, si potrebbe dire.

discarica tossica-giugliano-fascia costiera
La discarica tossica, a ridosso della carreggiata – archivio InterNapoli

Terra di nessuno, terra di criminalità

Resta un fatto, purtroppo inequivocabile. A Giugliano, in via Domitiana, in piena area sottoposta ad interesse archeologico-paesagistico, c’è una discarica tossica a ridosso della carreggiata. In più, insiste su un appezzamento di terreno praticamente abbandonato nel quale si può accedere liberamente, e sul quale non c’è alcun controllo. Osservando le sterpaglie che si alternano con lo sterrato, si intuisce che il terreno offra anche spazio per le manovre degli autocarri che lì vanno a vomitare il loro carico di veleni. Dopo, con calma, quando il cumulo è pronto, si da alle fiamme per ricavarne metalli puliti e per liberare spazio. E così in loop, fino a quando qualcuno non si accorgerà del disastro che accade sotto gli occhi di tutti.