“Abbiamo mantenuto l’obbligo di mascherina in Campania perché abbiamo uno dei focolai della variante delta, l’altro è in Lombardia. La Campania ha un’alta densità abitativa, l’area metropolitana di Napoli ha la densità la più alta d’Italia e la variante delta è aggressiva sui giovani e noi abbiamo una popolazione giovane alta”.

Per questo qui resta l’obbligo di mascherina”. Lo ha detto il governatore della Regione Campana Vincenzo De Luca nella sua diretta Facebook del venerdì.
“La mascherina – ha spiegato – è piccolo sacrificio che può portare un grande beneficio. E’ un fastidio ma lo è anche il casco in moto o la cintura in auto, ma danno tranquillità. I decreti nazionali obbligano alla mascherina in fiere, supermercati, negozi, mezzi di trasporto noi abbiamo aggiunto solo che in strada è obbligatorio bisogna metterla subito, perché l’assembramento c’è sempre nelle piazze della movida, nelle strade dello shopping. Mettetevi la mascherina perché la contagiosità della variante delta si attiva in dieci secondi”.

De Luca a Salvini: “Vaccinati e non fare lo scapigliato”

“In questo momento vaga per la regione Campania un esponente politico sceso qui da Milano. Noi ogni estate abbiamo la consolazione di doverlo ospitare, siamo una regione ospitale. Il mio invito ovviamente, a questo signore che scende da Milano ogni estate, è quello di vaccinarsi, di non fare lo scapigliato. Vaccinati, amico mio, e mettiti la mascherina”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca rivolgendosi al leader della Lega Matteo Salvini, ieri in visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere, oggi a Sorrento per la tre giorni di Alis e a seguire a Salerno. “Per il resto, ogni affermazione che fa questo signore che scende da Milano ogni estate mi fa guadagnare 100mila voti secchi. Quindi Dio lo benedica”, ha rimarcato De Luca.

De Luca parla della campagna vaccinale

“In Campania abbiamo raggiunto un risultato importante, sfondando il muro dei 5 milioni totali di somministrazioni. Questa settimana abbiamo registrato una ripresa delle vaccinazioni, i cittadini hanno risposto. Sapete che qui abbiamo deciso di mantenere l’obbligo della mascherina perchè qui abbiamo uno dei focolai nazionali della variante Delta. L’altro più consistente si trova in Lombardia. Noi abbiamo la più alta densità abitativa d’Europa e il pericolo di contagiarsi è più elevata. Nei giorni scorsi sono andati in terapia intensiva due 30enni. La variante Delta è molto aggressiva in particolare con i giovani. Il 1° luglio 2020 avevamo 9 positivi e 16 persone negli ospedali e 0 ricoveri in terapia intensiva. Il 1° luglio 2021 abbiamo 107 positivi, 217 persone ricoverate in ospedale e 19 ricoveri in terapia intensiva. Abbiamo elementi positivi come i 5 milioni di somministrazioni, ma anche 700mila cittadini non ancora vaccinati neanche con una dose“.

Il Governatore è tornato sull’ordinanza relativa alle mascherine

“Questa cosa della mascherina è un piccolo fastidio, come quando metti il casco sulla moto o la cintura di sicurezza in auto. E’ un fastidio, ma serve a salvare la vita. Dobbiamo essere prudenti, perchè siamo in una realtà difficile. Quando sei in strada, nelle piazze, l’assembramento c’è sempre. La contagiosità della variante Delta si sviluppa in 10 secondi. Questi sono i dati che abbiamo. Basta incontrare un amico e salutarsi e c’è il rischio di contagiarsi. Il nostro obiettivo è immunizzare tutta la Campania entro il 2021. Dobbiamo arrivare ad oltre 9 milioni di dosi somministrate. Bisogna avere una tenacia feroce. Entro il mese di novembre dobbiamo raggiungere questo numero e così deve essere. Tutti in Campania devono essere immunizzati con due dosi di vaccino entro fine novembre, al massimo inizio dicembre. Il mese di luglio è importantissimo. L’estate è un periodo di rimescolamento sociale, più siamo vaccinati, più siamo protetti. Bisogna essere responsabili e vaccinarci tutti per tornare ad una vita sociale normale. Senza responsabilità, però, ad ottobre rischiamo di soffrire ancora. A fine agosto/inizio settembre deve partire anche la vaccinazione di massa nelle scuole”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.