31 C
Napoli
martedì, Luglio 5, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

«In carcere ho saputo chi ha commesso il delitto del centro abbronzante», le parole del pentito


Salvatore Abate, ex uomo del clan Ferone e dei Moccia ha rivelato agli inquirenti una seri di retroscena relativi al duplice delitto Casone-Ferrante. E nel farlo ha tirato in ballo Raffaele Russo detto  ‘Lello Cartolandia’ ex ras dei Moccia ferito mortalmente davanti al carcere di Secondigliano lo scorso ottobre. «Russo mi ha raccontato in modo sicuro, ribadendo che lui e i suoi amici di Arzano sapevano tutto quello che succedeva fuori, che Casone era stato ucciso da un commando agli ordini di Napoleone. Non ricordo se mi ha detto che era presente all’omicidio anche Renato, ma di certo era stato lui a dare l’ordine. Del gruppo facevano parte Francesco Paolo Russo, Angelo Gambino e alla guida dell’auto Pasquale pic stic».

Stando ancora a quanto riferito da Abate, Russo gli avrebbe anche parlato del ruolo ricoperto dal presunto specchiettista minacciato di morte dagli stessi Amato-Pagano e dalla Vanela Grassi: la proposta in quel caso era che dopo la ‘filata’ sarebbe tornato indenne a Casavatore».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

“E’ solo caffè”, ma nascondevano la ‘roba’: due napoletani nei guai a Ischia

Gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato, presso lo scalo marittimo...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria