Insulta in dialetto un automobilista in Australia, lo zio emigrato da 15 anni lo riconosce per strada

Dice una bestemmia in pugliese e un parente lo riconosce per strada a Sidney, in Australia. A raccontare l’insolita storia è Pugliareporter che riporta le parole di un uomo pugliese che si è ricongiunto con un suo parente dopo 15 anni dall’altra parte del mondo e in modo assolutamente casuale.

L’uomo, originario di Valenzano, si trova da qualche tempo a Sidney per un master. Mentre guidava, un autista gli ha tagliato la strada e racconta di non aver saputo trattenere un insulto allo sguardo definito beffardo dell’altro pilota. Un insulto pronunciato in dialetto pugliese, certo che nessuno dei presenti avrebbe capito il significato delle sue parole. Una persona però le ha capite e ha risposto in barese, così i due hanno iniziato a parlare scoprendo di venire da due paesi vicini.

Nel corso della conversazione iniziano ad emergere dei dettagli e i due scoprono di essere parenti. Il giovane capisce che lo sconosciuto incontrato in strada era uno zio acquisito con cui aveva molto legato da bambino. Il marito della sorella della madre aveva poi divorziato dalla zia e deciso di cambiare vita andando in Australia. I due si sono ricongiunti così dopo tanto tempo e tanti bei ricordi insieme

sidney

I due allora hanno capito di avere qualcosa in comune e hanno iniziato a parlare. Il ragazzo ha poi scoperto che non solo l’uomo era un suo conterraneo, ma anche un suo parente. “Mi ha raccontato che aveva divorziato dalla moglie a Bari e aveva deciso di cambiare vita in Australia. Ma non sarà mica il marito di mia zia che non vedo da quando sono piccolo?”, si è chiesto il ragazzo. E in effetti si trattava proprio dello zio

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.