Sono accusati di aver partecipato all’omicidio di Salvatore De Magistris all’epoca della prima faida. Sono stati così raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in carcere Marco Di Lauro, suo fratello Nunzio, e il capo della Vanella Grassi Antonio Mennetta. I tre, per la Procura, avrebbero ideato e eseguito l’omicidio avvenuto il 30 ottobre del 2004. Decisive le dichiarazioni di Salvatore Tamburrino, l’ex colonnello del clan che si è rivelato poi fondamentale per la cattura di ‘F4’. Quello di De Magistris è uno degli omicidi più cruenti della prima faida. Marco Di Lauro, secondo le prime notizie trapelate, sarebbe stato il mandante di quel delitto.

L’omicidio del patrigno di Biagino Esposito a Secondigliano: le dichiarazioni dei pentiti

A parlare per primo ai magistrati di quel delitto fu però Maurizio Prestieri:«Ho appreso notizie in ordine alla sorte di De Magistris, quando questi era ancora vivo, infatti questa persona è sopravvissuta qualche tempo, all’aggressione subita. Le notizie le seppi da (omissis), mi disse che da De Magistris, Nunzio Di Lauro insieme ad altri due giovani, voleva sapere dove si nascondesse il figliastro, ossia Biagio Esposito detto Biagino, il quale era passato con gli Scissionisti. I giovani lo colpirono con violenza per estorcergli le informazioni che non ottennero, quindi forse non vi era la volontà di ucciderlo ma la violenza era diretta solo ad acquisire informazioni, così mi disse». Anche l’ex ras degli Abete-Abbinante Pasquale Riccio ha parlato di quel delitto:« Quanto gli successe fu una ritorsione dei Di Lauro. Nunzio Di Lauro e Antonio Mennetta prima lo picchiarono e poi gli passarono con la moto sopra. Lui morì in seguito alle notizie riportate».

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.