L’Alleanza di Secondigliano entra a Forcella: così i Contini si stanno prendendo il rione

Un’avanzata silenziosa compiuta utilizzando un ‘cavallo di Troia’. Un gruppo emergente che fa le veci del più grande: sarebbe questa la strategia dell’Alleanza di Secondigliano (e in particolare dei Contini) per prendersi Forcella da sempre sogno e ambizione del boss Eduardo ‘o romano fin dai tempi in cui a spadroneggiare era Luigi Giuliano ‘o re. Il gruppo del Vasto-Arenaccia avrebbe dei propri fiduciari in zona, i Morra anche se gli investigatori temono che possano esserci nuovi contrasti con i De Martino considerato gruppo emergente.

I nuovi equilibri inoltre devono conto anche della presenza degli uomini del clanMazzarella, sicuramente meno forte rispetto ai tempi d’oro di Edoardo Bove, ma che non hanno mai abbandonato Forcella.Per un periodo, grazie all’appoggio dei Buonerba, poi destinatari di importanti misure cautelari e quindi sostanzialmente usciti di scena, avevano ripreso vigore. Poi l’avvento dei Contini attraverso propri fedelissimi ha provocato una sorta di spaccatura nel quartiere.