Macchinista della metro ferito da un passeggero: era ubriaco e sul treno sbagliato

(Uno scatto del vetro distrutto dal passeggero ubriaco - archivio InterNapoli)

Tiene banco la questione sicurezza sui mezzi pubblici napoletani. Se sui bus e sui tram la situazione è da tempo in bilico tra l’accettabile e l’inaccettabile, non si può dire lo stesso per quanto riguarda le tratte della metropolitana. Con sforzo organizzativo e gestionale, sino a oggi la sicurezza sui convogli è stata grosso modo garantita. Eppure, anche qui di falle ce ne sono state. E ce ne sono ancora. Ne è un chiaro esempio l’agghiacciante quanto assurdo fatto di cronaca accaduto ieri sera, poco dopo le 20. Sul treno che viaggiava in direzione Piscinola, si è sfiorata la tragedia. Coinvolto, incredibilmente, il macchinista che guidava treno.

Un passeggero ha preso il treno di tutta fretta. Non ha fatto in tempo a sedersi che si è reso conto di aver sbagliato treno e direzione. Gli sarebbe bastato scendere e salire sul treno successivo, sulla direzione opposta. Ma i fumi dell’alcol gli hanno precluso la decisione più facile e civile. Ha, quindi, pensato bene di sfondare il vetro della cabina del macchinista, a calci e pugni. I vetri infranti hanno ferito sia il macchinista che il passeggero. Dal canto suo, il macchinista ha mantenuto la calma, guidando il treno fino alla stazione successiva dove i carabinieri hanno preso in consegna l’esagitato. La circolazione è stata ristabilita solo dopo le 21.