34.9 C
Napoli
giovedì, Agosto 18, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ragazzi feriti a Marechiaro:«Il coltello non era mio», il figlio del boss di Miano respinge le accuse


Avrebbe respinto le accuse il giovane, classe 2005, ritenuto l’autore del ferimento di altri due ragazzi domenica scorsa sullo scoglione a Marechiaro. Il giovane, figlio di uno storico boss di Miano recentemente condannato, accompagnato dal suo legale avrebbe dichiarato che il coltello che avrebbe ferito gli altri due giovani non era suo e che sarebbe caduto a qualcun’altro nella ressa scatenatasi sugli scogli. Il 16enne è ora in stato di fermo con l’accusa di aver tentato di uccidere i due giovani. Nelle prossime ore il provvedimento dovrà passare al vaglio del giudice per la convalida. L’amico che era insieme a lui è stato denunciato a piede libero. Sarebbe stato proprio quest’ultimo, poco meno di un anno fa, a litigare con uno dei due giovani feriti per questioni sentimentali legate ad una ragazzina. Intanto, secondo alcune indiscrezioni trapelate, alcuni giovani sarebbero stati convocati in questura a Napoli per essere ascoltati dagli investigatori. Il quadro è in piena evoluzione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Napoli. “Dammi l’orologio”, turista sventa la rapina e fotografa i ladri: fermati

Martedì pomeriggio una donna si è presentata presso gli uffici della Questura per denunciare di aver subito un tentativo...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria