Rissa alla Viglia di Natale ad Ercolano, il litigio era partito per lo sguardo di troppo ad una ragazzina

Rissa della Vigilia di Natale ad Ercolano
Rissa della Vigilia di Natale ad Ercolano

Per la maxi-rissa della vigilia di natale ad Ercolano sono, come racconta Il Mattino, 14 in totale gli indagati. Si tratta di ragazzi dai 15 ai 29 anni, uomini e donne. All’indomani della vicenda, i carabinieri della compagnia di Torre del Greco avevano individuato i primi sette responsabili, tutti giovani tra i 20 e i 29 anni. Nelle scorse ore, poi, gli agenti della polizia municipale, hanno individuato e denunciato altre sette persone tra cui minori e donne.

Alcuni soggetti hanno precedenti penali ma non avrebbero legami con i clan della zona. La causa che ha scatenato la rissa sarebbe individuabile in un litigio nato per uno sguardo di troppo da parte di un minore ad una ragazzina. Quest’ultima sarbbe infatti impegnata con un suo coetaneo.

“Una violenza assurda nata, ancora una volta, per futili motivi. C’è da lanciare un allarme su questo fenomeno, troppe volte stiamo assistendo ad episodi violenti, aggressioni, accoltellamenti, sparatorie, nati per motivi banali che hanno anche causato gravissimi danni, ed in alcuni casi anche la morte di giovani innocenti, ricordiamo il caso del povero Simone Frascogna, accoltellato ed ucciso a Casalnuovo. Tutto questo va fermato, chiediamo controlli e pattugliamenti sul territorio, maggiormente nelle aree più a rischio e lì dove sono soliti riunirsi i giovani. Non può più esserci tolleranza su questo tipo di violenza, ora serve la tolleranza zero”sono le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Rissa ad Ercolano alla vigilia di Natale, giovani si picchiano in piazza [L’ARTICOLO LANCIO DEL 25 DICEMBRE 2020]

Una maxi rissa è scoppiata ieri, alla Vigilia di Natale, a Ercolano, nella provincia di Napoli. Ancora poco chiara la dinamica dei fatti e il motivo che ha scatenato la rissa, scoppiata in piazza Trieste e Trento, al centro della cittadina alle pendici del Vesuvio. Questo nonostante proprio ieri, in tutta Italia, sia scattata la zona rossa, istituita per limitare la diffusione del Coronavirus. Sulla vicenda sono in corso accertamenti da parte della Polizia Municipale di Ercolano. La scena immortalata da decine e decine di cellulari i cui video hanno fatto in breve tempo il giro della rete.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook