Orrore in ospedale, 45enne di Melito ‘scaricato’ con le dita mozzate: si segue pista della camorra

Pronto Soccorso

Scaricato fuori all’ospedale con le dita mozzate. Un uomo di 45 anni di Melito è stato soccorso ieri mattina nella clinica San Michele di Maddaloni, in provincia di Caserta. Ignoti lo hanno lasciato all’esterno della struttura sanitaria con alcune dita amputate, immediato il trasporto in ospedale. L’episodio raccontato da Edizione Caserta è ancora avvolto nel mistero.

Non è chiara, infatti, la dinamica degli avvenimenti, ma da una prima ricostruzione sarebbe emerso che le dita siano state ‘mozzate’ da qualcuno, probabilmente rivali dell’uomo. Il personale medico ha immediatamente allertato le forze dell’ordine. Adesso si indaga sulle frequentazioni del 45enne e sui suoi eventuali precedenti.

Inutile il ricorso alle immagini della videosorveglianza. L’uomo è stato lasciato in un’area non coperta dalle telecamere con le dita mozzate e la mano sanguinante. L’ipotesi è che siano stati gli stessi autori dello ‘sfregio’ ad accompagnare la vittima nella struttura sanitaria. I carabinieri di Maddaloni ipotizzano che l’episodio possa essersi verificato tra Melito e Secondigliano dove gli interessi criminali si intrecciano. Si tratta infatti di un tipico ‘atto’ camorristico. Toccherà agli investigatori fare chiarezza sugli autori e sulle ragioni che hanno generato la macarba amputazione.