“Mio fratello non era un mostro, quel folle gesto…”, parla la sorella di Pasquale Vitiello

“Mio fratello era una persona per bene, lavorava, viveva per la sua famiglia e per la sua bambina, non riesco a spiegare questo gesto folle”. Sono parole disperate e incredule quelle della sorella di Pasquale Vitiello, l’uomo che il 19 marzo, a Terzigno (NA), ha ucciso la moglie Imma Villani, davanti alla scuola frequentata dalla figlia.

I due si stavano separando consensualmente, ma pare che Pasquale avesse picchiato Imma in passato. A intervistare la sorella dell’uomo sono stati i giornalisti di Pomeriggio Cinque, poco dopo la notizia del ritrovamento del cadavere, che si è tolto la vita in un rudere non molto lontano dal luogo dell’omicidio: nelle sue mani sono state rinvenute alcune lettere indirizzate ad amici e parenti e che sono state raccolte dal PM come prova.