Morte di Stefano Cucchi, la confessione dei carabinieri: “Obbligati dai vertici a…”

Di quanto accaduto a Stefano Cucchi il 17 ottobre del 2009, quando fu arrestato dai carabinieri con l’accusa di possesso di droga, i vertici dell’Arma sapevano molto prima che il caso finisse all’attenzione della procura di Roma e dei media. E gli stessi vertici si adoperarono perché della vicenda venisse data una versione soft nelle varie informative destinate ai pm di Roma. Il racconto agghiacciante è emerso oggi dalla deposizione di alcuni carabinieri ascoltati come testimoni in aula dal pm Giovanni Musarò.

 IL PROCESSO

Il processo è quello che vede imputati cinque carabinieri in relazione alla morte del geometra romano Stefano Cucchi avvenuta a Roma il 22 ottobre del 2009. I militari dell’Arma coinvolti sono: Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco, accusati di omicidio preterintenzionale e di abuso di autorità. Tedesco è accusato anche di falso e calunnia Roberto Mandolini, mentre della sola calunnia risponde Vincenzo Nicolardi.

LE ANOMALIE

La prima anomalia sarebbe in due annotazioni di servizio, datate 26 ottobre del 2009 alle 18 e 40, che il piantone di Tor Sapienza, Gianluca Colicchio, scrisse sull’arrivo di Cucchi, il 16, consegnato dal personale della stazione Roma-Appia e al suo trasferimento nella cella di sicurezza. «Trascorsi circa 20 minuti Cucchi suonava al campanello di servizio presente nella cella e dichiarava di aver forti dolori al capo, giramenti di testa, tremore e di soffrire di epilessia». Questa annotazione di pg riporta lo stesso numero di computer di una seconda versione, più sfumata, nella quale si dava conto che «Cucchi dichiarava di soffrire di epilessia, manifestando uno stato di malessere generale verosimilmente attribuito al suo stato di tossicodipendenza e lamentandosi del freddo e della scomodità della branda in acciaio».

LA CONFESSIONE

In aula, Colicchio ha riconosciuto come propria la firma apposta in calce ai due verbali, ma ha ammesso che la seconda versione non corrisponde al vero. Identica anomalia è stata riscontrata in due annotazioni di pg firmate dal carabiniere scelto Francesco Di Sano, sempre il 26 ottobre su quanto accaduto dieci giorni prima. «Alle 9 e 05 circa, giungeva presso questa Stazione personale della Casilina, addetto al ritiro del detenuto (atteso in tribunale per la direttissima, ndr) … Cucchi riferiva di avere dei dolori al costato e tremore dovuto al freddo e di non poter camminare, veniva comunque aiutato a salire le scale…».

 

Di Sano ha ammesso in udienza di essere stato invitato a ritoccare il verbale perché troppo dettagliato, maturando così la seguente versione definitiva: «Cucchi riferiva di essere dolorante alle ossa sia per la temperatura freddo/umida che per la rigidità della tavola del letto (priva di materasso e cuscino) ove comunque aveva dormito per poco tempo, dolenzia accusata anche per la sua accentuata magrezza».

 

Importante anche il racconto del carabiniere, Pietro Schirone, della stazione Casilina che tradusse con un collega Cucchi da Tor Sapienza in tribunale, e che già nel 2009 ai magistrati della procura di Roma disse che era chiaro che era stato menato. «Cucchi stava male, aveva ematomi agli occhi». Versione confermata anche oggi in udienza. Passi di quel verbale finirono poi sui giornali e Schirone ha spiegato di essere stato convocato il giorno dopo dal colonnello Alessandro Casarsa, comandante provinciale: «Mi chiese solo se le dichiarazioni riportate dalla stampa corrispondessero al mio pensiero. Gli risposi di sì e la questione si chiuse in questo modo. Non sono mai stato sottoposto a un procedimento disciplinare nè ho saputo mai che sulla vicenda sia stata avviata dall’Arma un’inchiesta interna».