Vergogna a Napoli, 4 auto rubate in 15 giorni: sospeso il servizio di car sharing

Car sharing a Napoli, servizio sospeso
Car sharing a Napoli, servizio sospeso
Ritirate le auto del car sharing a Napoli. Quattro furti d’auto in due settimane hanno costretto Amicar alla drastica decisione. Atti vandalici e furti hanno così fatto tramontare, almeno per il momento, il progetto che nelle altre metropoli contribuisce alla mobilità sostenibile.

Ad annunciare il ritiro delle auto è stato Sergio D’Angelo, presidente di Gesco: “Questa notte in viale Michelangelo abbiamo subito l’ennesimo furto di un auto Amicar, la quarta in 15 giorni. Abbiamo deciso – ha affermato D’Angelo – di ritirare tutte le auto dalla strada e di sospendere temporaneamente il servizio. Siamo molto arrabbiati per tutto quello che stiamo subendo e che abbiamo più volte inascoltatamente denunciato, ma sconforta e indigna ancora di più il silenzio assordante di tutte le istituzioni

A quattro mesi dall’inaugurazione del servizio gestito da Amicar Sharing, dunque, il car sharing a Napoli subisce una battuta d’arresto. Nei giorni scorsi, lo stesso D’Angelo lanciò l’allarme, invocando l’impegno e l’intervento di forze dell’ordine e sindaco. Un appello rimasto purtroppo inascoltato. Numerosi atti vandalici, dagli pneumatici distrutti (6 in meno di 10 giorni), alle fiancate segnate con un punteruolo, passando per gli adesivi del brand staccati dalle auto, hanno interessato il 20 per cento delle autovetture. Danneggiamenti e furti si sono moltiplicati negli ultimi 15 giorni portando l’Amicar alla drastica decisione.