26.5 C
Napoli
giovedì, Giugno 30, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Napoli. Rifiuta di dare 2 euro al parcheggiatore abusivo, minacciato e insultato: “Dov’erano i vigili?”


Parcheggiatore abusivo aggredisce chi si rifiuta di pagarlo, poi volano minacce e rompe un parchimetro. L’ennesimo atto di violenza è accaduto in via Monteoliveto a Napoli. 

Minacce e violenza del parcheggiatore abusivo

Un automobilista, in particolare, ha raccontato al consigliere Francesco Emilio Borrelli dell’episodio avvenuto in Via Monteoliveto. Ha descritto la cronologia dei fatti spiegando che l’uomo, dopo aver rotto il parchimetro, ha iniziato a minacciare chi si era rifiutato di pagarlo. “Ci ha intimato a dargli per forza 2 euro perché ‘lui sta lavorando lì da stamattina’ ha iniziato a urlarci addosso e ha proferito parole sessiste verso una mia amica in macchina con me” spiega così al consigliere, lamentandosi poi: “Siamo davvero arrivati a questo?”.

La sua accusa continua poi spiegando che questa figura non è nuova nella zona: “Questo gira indisturbato in questa area da moltissimo tempo” e spiega che nonostante questo: “In 4 ore nemmeno una pattuglia della municipale è passata di lì“.

Le parole di Borrelli 

Borrelli ha dichiarato di aver ovviamente segnalato l’accaduto alle forze dell’ordine. “Molti parcheggiatori abusivi sono violenti ed usano l’intimidazione e le minacce, che non sempre restano soltanto ‘promesse’” spiega il consigliere. La preoccupazione e l’attenzione su questo fenomeno è fondamentale perché spesso può nascondere molto di più, come spiega il consigliere: “In tanti casi, soprattutto quelli che occupano posizioni strategiche, sono gestiti dai clan che hanno trovato nel mercato dei parcheggi abusivi una sorta di bancomat“. I cittadini quindi non devono lasciarsi intimidire e denunciare sempre. Il consigliere sottolinea anche l’importanza delle forze dell’ordine in questi casi, soprattutto nella difesa del cittadino. “Le istituzioni devono tutelarli (i cittadini) combattendo senza sosta questo fenomeno e prevedendo delle riforme delle normative affinché per alcuni soggetti sia prevista la pena detentiva” queste le parole del consigliere, che conclude poi: “Ora serve tolleranza zero, basta scuse.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

«Un regalo per gli amici», blitz in provincia di Napoli: due arresti per racket

Nel corso della notte, a Marigliano ed Orta di Atella, i militari della Compagnia di Castello di Cisterna hanno...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria